L’Europa secondo Katainen

64

ITALIA – Roma 15/10/2013. “How to Build a Fair and Thriving Europe” è stato questo il titolo della conferenza tenuta il 14 ottobre a Roma;  l’incontro ha visto come special guest il primo ministro finlandese Jyrki Katainen.

Katainen, primo ministro nonché leader del partito di centrodestra Kansallinen Kokoomus (Partito della Coalizione Nazionale), ha toccato più argomenti tra i quali quello di una maggiore integrazione tra i paesi europei, coadiuvata da una maggiore cooperazione con quelli fuori dell’unione, soprattutto con gli Usa riguardo a commercio e investimenti, per dare vita con ritrovata vitalità ad una nuova economia. «L’Unione Europea sta attraversando un cambiamento mai visto prima» ha detto Katainen richiamandosi, oltre che alla forte recessione economica, ai pericoli del populismo che, specialmente in questo periodo di forte crisi, può portare alla deriva il progetto europeo. Nel suo intervento il premier finlandese ha fatto notare come una più profonda integrazione tra il nord e il sud dell’Europa, definita come «fair integrance», potrebbe essere una delle possibili soluzioni.  «Il vero pericolo del populismo» aggiunge Katainen «è quello di dare delle risposte molto semplici a delle domande molto complicate». «Dobbiamo concentrarci sui problemi reali che l’UE sta attraversando in questo momento» continua il primo ministro «e lasciare fuori disquisizioni filosofiche, per esempio riguardo agli “Stati Uniti d’Europa”». Il primo ministro ha anche affrontato il tema della così detta “Banking Union”, ossia la creazione di un mercato finanziario comune a tutti i paesi dell’Unione. «Dobbiamo coordinare ciò che possiamo fare insieme» ha dichiarato «l’Europa può aiutare la Finlandia ma anche noi abbiamo il nostro lavoro da svolgere». Katainen ha inoltre messo l’accento sul rispetto dei diritti umani e sulla forza della “rule of law” europea, richiamandosi a questi come principi fondativi del disegno europeo. 

CONDIVIDI
Articolo precedentePerù cresce e investe
Articolo successivoMosca bacchetta Kiev