ETIOPIA. Pechino non ha spiato l’Unione Africana

94

L’Unione africana non ha fascicoli segreti e non c’è nulla da spiare, ha detto un alto funzionario di Pechino l’8 febbraio, respingendo quanto affermato dal quotidiano francese Le Monde secondo la quale Pechino aveva messo delle cimici nel quartier generale del blocco regionale ad Addis Abeba.

Secondo importare sudafricano Defence Web, Le Monde, citando fonti anonime dell’Ua, ha affermato che i dati provenienti dai computer dell’edificio costruito in Cina sono stati duplicati per cinque anni a dei server cinesi. Dopo la scoperta del massiccio hacking un anno fa, secondo Le Monde, il sistema informatico dell’edificio, compresi i server, è stato cambiato. Durante una bonifica dopo la scoperta, sono stati trovati microfoni nascosti nelle scrivanie e nelle pareti.

Parlando ai giornalisti con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi al suo fianco, il capo della Commissione dell’Unione Africana Moussa Faki Mahamat ha detto che le accuse erano false: «Ciò di cui vi posso assicurare è che le relazioni tra Cina e Africa, come ho descritto, sono costanti. Nessuna manovra di questo tipo può distrarci dai nostri obiettivi (…) L’Unione africana è un’organizzazione politica internazionale. Non tratta dossier di difesa segreti. Siamo un’amministrazione e non vedo l’interesse che possa esserci per la Cina di offrire un edificio di questo tipo e poi di spiarci (…) Quindi queste sono affermazioni totalmente false e credo che le nonne terremo minimamente conto».

Il quartier generale da 200 milioni di dollari è stato interamente finanziato e costruito dalla Cina e aperto nel 2012. È stato considerato come un simbolo della spunta di Pechino per l’influenza in Africa, e l’accesso alle risorse naturali del continente. Wang ha detto che apprezzava i commenti di Faki e ha definito in quartier generale un simbolo dell’amicizia Cina-Africa: «Non può essere offuscato da nessuna persona o forza (…) Le relazioni Cina-Africa hanno resistito a decenni di alti e bassi e di cambiamenti sulla scena internazionale (…) Forse alcune persone o forze non sono disposte ad aiutare l’Africa stessa e hanno una sensazione amara visti i risultati della cooperazione della Cina con l’Africa (…) Queste voci sono impotenti, e qualsiasi semina di discordia non avrà successo» ha detto Wang. Il Ministro cinese ha poi annunciato che in settembre la Cina avrebbe organizzato un altro vertice con i leader africani a Pechino.

Come nella capitale etiope, gli investimenti della Cina nelle infrastrutture stradali e ferroviarie sono altamente visibili in tutto il continente. Nel corso di un vertice del 2015 in Sudafrica, il presidente cinese Xi Jinping ha promesso 60 miliardi di dollari in aiuti e investimenti a favore del continente, affermando che avrebbe continuato a costruire strade, ferrovie e porti.

Luigi Medici