ETIOPIA. Diga, Nilo e guerra tra blocchi in Africa Orientale

162

La tensione nell’Africa orientale sta aumentando, dopo che il primo Ministro etiope, questo fine settimana, ha respinto il suggerimento dell’Egitto di far dirimere alla Banca Mondiale i disaccordi in corso sulla costruzione della diga sul fiume Nilo. La posta in gioco è alta per entrambi i paesi, riprova VoA

L’Etiopia dice che la diga idroelettrica da 5 miliardi di dollari fornirà energia a milioni di persone che hanno disperato bisogno di energia elettrica. L’Egitto dice che interromperà il flusso di acqua dal Nilo, mettendo a repentaglio l’agricoltura nel paese. L’Etiopia ha anticipato che la diga, ora nel suo settimo anno di costruzione, sarebbe stata completata l’anno scorso, ma il progetto è completo solo a circa il 60 per cento, secondo Associated Press. Il rifiuto dell’arbitrato è l’ultima battuta d’arresto di una contrapposizione durata mesi ed è anche uno dei molti conflitti regionali accentuati dalla crescente lotta di potere tra gli Stati del Golfo che continua a diffondersi nell’Africa orientale.

Se le tensioni diplomatiche non vengono risolte, potrebbero trasformarsi in scontri militari e guerre per procura, prosegue VoA. È emersa un’importante concorrenza tra diverse parti arabe, con l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti da una parte e il Qatar e la Turchia dall’altra; la crisi del Golfo ha semplicemente messo in luce le tensioni tra queste potenze regionali che si protraevano da tempo. È in realtà un potente catalizzatore di molte linee di rottura, soprattutto sulle acque del Nilo.

L’espansione della presenza della Turchia ha avuto un effetto particolarmente destabilizzante: Ankara prevede di costruire un bacino navale nella città portuale sudanese di Suakin, dopo aver costruito una base militare a Mogadiscio, per addestrare i soldati somali nella lotta contro al-Shabab.

Mentre Egitto ed Etiopia hanno la maggior parte del peso diplomatico nella regione, altri attori vedono opportunità di affermarsi tra nuove tensioni e una crescente presenza araba. Etiopia e Sudan hanno sviluppato un’alleanza strategica; Egitto e Eritrea si sono avvicinati, con presenza di soldati egiziani alla base militare Sawa.

Per il Sudan e l’Eritrea, la tensione tra Egitto ed Etiopia rappresenta un’opportunità per acquisire nuove basi e creare partenariati proficui. Il Sudan deve affrontare una strada difficile verso la ricostruzione della sua economia sulla scia dell’abolizione delle sanzioni statunitensi. L’Eritrea, ancora soggetta a sanzioni, vede l’opportunità di emergere dall’isolamento e affrontare le proprie vulnerabilità e questioni migratorie.

Luigi Medici