Etica e sport nelle scuole di Shama

26

di Lucia Giannini LIBANO – Shama 06/11/2016. Si è conclusa il 4 novembre, a Shama, sede del quartier generale dei caschi blu in Libano, la settimana di formazione e di diffusione della cultura dello sport a favore delle scuole nella provincia di Tiro nell’area di responsabilità del Settore Ovest di Unifil.
L’iniziativa è stata frutto di una collaborazione tra i caschi blu italiani e i rappresentanti di Inter Campus. In particolare, una delegazione di tecnici sportivi di Inter Campus, guidata da Massimo Seregni, ha coinvolto i giovani libanesi in attività formative e ludiche basate sui valori fondanti lo sport, l’etica e l’educazione, nell’ambito di un progetto che coinvolge bimbi ed istruttori durante tutto l’anno.
Inter Campus realizza dal 1997 interventi sociali a lungo termine in 29 Paesi del mondo con il supporto di operatori locali, utilizzando il calcio come strumento educativo in favore di bambini bisognosi tra i 6 e i 13 anni.
L’attività svolta da Inter Campus e dai caschi blu italiani sottolinea l’ottima collaborazione tra le associazioni civili ed il contingente militare nazionale, finalizzata al benessere della popolazione libanese come sancito dalla risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
La missione italiana in Libano è dallo scorso 17 ottobre guidata dalla brigata di cavalleria “Pozzuolo del Friuli”. Il Comando a guida italiana del settore ovest di Unifil ha alle dipendenze anche contingenti di Armenia, Brunei, Estonia, Finlandia, Ghana, Corea del sud, Irlanda, Malesia, Serbia, Slovenia e Tanzania.