ESTONIA. Tallinn punta sui russofoni

79

In Estonia, un paese baltico da sempre sospettoso delle ambizioni del Cremlino nella regione, il primo ministro Juri Ratas sta imparando il russo.

Preoccupato che lealtà divise tra etnia e sovranità nelle aree di confine in gran parte di lingua russa potrebbero esporre l’Estonia a conflitti come quelli in Ucraina orientale e in Crimea, l’Estonia vuole integrare meglio la minoranza di lingua russa.

Estonia e le altre nazioni baltiche guardano con preoccupazione, riporta Reuters, alle azioni della Russia in Ucraina e temono di essere invase prossimamente. Parlando direttamente ai russofoni del suo paese, Ratas (nella foto) spera di rafforzare l’unità nazionale e di rimuovere un possibile pretesto per un intervento russo.

Così, mentre Ratas sta prendendo lezioni di lingua, il suo nuovo governo sta cercando di rendere più facile per i russofoni ottenere la cittadinanza estone e migliorare l’economia della regione di confine, dove si registra un alto tasso di disoccupazione.

Con una popolazione di 1,3 milioni, inserito nella zona euro e membro della NATO, circa un quarto dei suoi cittadini sono di lingua russa, la maggior parte o ha passaporto russo o non ha alcuna cittadinanza.

Un risentimento tra i russofoni generato dal sentirsi”cittadini di seconda classe” potrebbe dare al Cremlino un pretesto per intervenire nel paese a loro tutela, teme il governo di Tallinn.

Lettonia ed Estonia hanno grandi popolazioni di lingua russa, risultato della migrazione quando erano sotto il regime sovietico. Ma solo in Estonia c’è un partito con una base elettorale di lingua russa al potere in una coalizione di governo.

Il ministro della Salute e del Lavoro Jevgeni Ossinovski, nativo russofono e leader dei socialdemocratici, membro del governo di coalizione, ha detto che raggiungere i russofoni si è reso necessario data la situazione geopolitica tesa.
Non sarà un compito facile. Molti oratori russi si affidano a stazioni televisive appoggiate da Mosca, che scendono l’Estonia trasmetterebbero propaganda del Cremlino.

Alcuni in Estonia temono che l’arrivo di circa 1000 uomini Nato infiammerà le tensioni. Il presidente Vladimir Putin ha detto nel 2014 che la presenza dei russi in Estonia dà a Mosca il diritto di intervenire con la forza.

Nel 2007, la decisione di spostare la statua celebrativa della liberazione del paese da parte delle forze sovietiche scatenò violente proteste da parte dei russofoni e una ondata di attacchi informatici che gli estoni attribuiscono a Mosca.

Dalla sua indipendenza nel 1991, la cittadinanza estone è stata concessa a coloro che erano cittadini indipendentemente dall’etnia. Molte persone scelsero di non avere la cittadinanza o ottenere un passaporto russo.

Antonio Albanese