Estonia, brutta partenza per la liberalizzazione dell’energia

44

ESTONIA – Tallinn. Aumento del costo dell’energia del 15% rispetto alla Finlandia. Tempi duri per gli acquirenti di energia in Estonia. A quanto pare la liberalizzazione del mercato elettrico per le famiglie ha portato ad un aumento del costo del la luce. Secondo l’Autorità garante della concorrenza la colpa è di Eesti Energia in quanto di fatto l’aziende vive in regime di monopolio.

«Eesti Energia ha ancora una quota di mercato considerevole come produttore e come distributore, e, per metà gennaio attendiamo una spiegazione da parte della società» ha dichiarato a Eesti Päevaleht,  Märt Ots, direttore generale della Autorità Garante della Concorrenza. «Anche se non possiamo trarre conclusioni fondamentali in base a pochi giorni di trading, una situazione in cui i prezzi dell’elettricità sono più elevati che in Finlandia ci rende più vigili», ha aggiunto Ots.

Eesti Energia ha ammesso che le fluttuazioni di mercato non influenzano e non possono al momento influenzare l’Estonia in quanto vi sono pochi collegamenti internazionali di energia. Fino al 2010 il gigante dell’energia Easti era responsabile anche della posa dei cavi per l’energia. Un nuovo impianto per la produzione di energia dao 650-megawatt Estlink 2 diventerà operativo solo nel 2014, triplicando l’alimentazione elettrica in comune tra i mercati baltici e nordici.
Il 1 ° gennaio, il segmento famiglie è stato aperto al libero mercato e il prezzo dell’energia elettrica è ora determinato da Nord Pool AS. Si tratta di un totale di 352.000 clienti hanno firmato nuovi accordi con i fornitori, ma solo l’11 per cento hanno smesso di essere clienti di Eesti Energia.