Gli stranieri vogliono diventare estoni

41

ESTONIA – Tallin. 27/12/14. L’Attivista Lyudmila Andronov dell’Unione degli stranieri non estoni ha scritto una lettera aperta al presidente estone Toomas Ilves, a cui ha chiesto di concedere la cittadinanza ai residenti locali, che hanno lo status di non-cittadini. Fonte DELFI .

«I nostri non cittadini hanno dato il loro contributo significativo alla creazione della fondazione prosperità materiale della moderna Estonia, noi paghiamo le tasse e sinceramente consideriamo la loro patria – scrive Andronov. – Credo che lo stato possa renderci quanto dato con il diritto alla cittadinanza della Repubblica di Estonia».
Secondo i rappresentanti dell’Unione degli stranieri attualmente nel paese vi sarebbero circa 80.000 persone con questo stato. Secondo l’attivista, a differenza di chi ha scelto di lasciare l’Estonia o la nazionalità di un altro paese, questi stranieri sono da considerare i patrioti estoni.
Secondo lo scrittore, il presidente potrebbe prendere l’iniziativa l’adozione della legge sulla cittadinanza agli stranieri facendo appello al Parlamento. L’iniziativa, come suggerito da Andronov, rafforzerà l’unità nella società ed eviterà «il volto del pericolo di nuovi Donbass».
La reazione Toomas Ilves a questa richiesta è ancora sconosciuta.
In Estonia, come in Lettonia, dopo la dichiarazione di indipendenza non tutti i residenti hanno avuto la cittadinanza. La cittadinanza è stata concessa solo nel caso in cui una persona o qualcuno dei suoi genitori è stato un cittadino estone prima del 1940 (cioè prima del verificarsi di annessione da parte dell’Unione Sovietica). Per tutti gli altri è stato avviato il processo di naturalizzazione, attraverso il superamento di un esame di lingua e di diritto costituzione. In totale, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, in Estonia si è rivelato essere di circa mezzo milione di non-cittadini. Entro il 2012, il numero è sceso a 97.000 (circa il sette per cento della popolazione).