A breve il G10 dell’energia sudamericana?

49

BOLIVIA – Santa Cruz 18/05/0214. L’amministratore delegato della società argentina YPF ha proposto la creazione di un gruppo formato da 10 compagnie petrolifere e del gas controllate dagli Stati latinoamericani come soluzione per aumentare le sinergie e rafforzare il potere politico del subcontinente.

«È un’idea che ho intenzione di discutere con il resto dei miei colleghi, formare una sorta di G10, capace di diventare un G12, di presidenti delle società energetiche nazionali», ha detto Miguel Galuccio al IV Gas and Oil International Congress, organizzato dalla boliviana YPFB a Santa Cruz. «Il presidente della Bolivia ha detto che avere l’energia è potere. Credo che, allo stesso modo, unirsi creando sinergie significa avere ancora più potere», ha detto Galuccio , riferendosi alle osservazioni del presidente boliviano Evo Morales, fatte all’inaugurazione. Il gruppo dovrebbe essere composto, tra l’altro, da YPF, YPFB, Messico Petroleos Mexicanos, Petrobras e PDVSA, ha detto Galuccio (a destra). All’apertura del congresso, Morales ha detto che il controllo sulle risorse energetiche, al contrario della forza militare o della ricchezza economica è ciò che conferisce il potere politico nei paesi latinoamericani e in tutto il mondo. «Il paese che ha energia è quello che ha il potere, non quello che ha missili; non quello che ha un sacco di soldi», ha detto Morales. Il congresso, conclusosi il 16 maggio, ha analizzato il ruolo delle imprese statali e la nuova situazione economica di fronte allo sviluppo dell’industria del gas naturale nella regione. Nel suo discorso, Galuccio ha osservato che l’America Latina è una regione priva di conflitti armati che ha già compiuto passi verso l’integrazione energetica attraverso gasdotti transfrontalieri e centrali bi-nazionali. Ha anche sottolineato le sinergie che si potrebbero ottenere se le società lavorassero insieme e combinasero le conoscenze che hanno ottenuto nei rispettivi settori del petrolio e del gas.