ENERGIA. La separazione tra Mosca e Riyadh farà crollare il prezzo del greggio

89

Il fallimento dell’alleanza Opec+ e la conseguente inondazione dei mercati sauditi potrebbe far scendere il petrolio a 20 dollari al barile quest’estate.

Anche se un simile calo significherebbe un vantaggio per i consumatori, sarà catastrofico per le petrocrazie fallite o in fallimento come Iraq, Iran. Lo scontro potrebbe rivelarsi esiziale quando accoppiato con la crisi del Covid-19.

Anche Goldman Sachs, riporta Asia Times, ha avvertito in una nota che di possibili cali nel Brent grezzo fino a quasi 20 dollari al barile: «Crediamo che la guerra dei prezzi del petrolio tra l’Opec e la Russia sia iniziata inequivocabilmente questo fine settimana, quando l’Arabia Saudita ha tagliato in modo aggressivo il prezzo relativo al quale vende il suo greggio al massimo da almeno 20 anni (…) Questo cambia completamente le prospettive per i mercati del petrolio e del gas, a nostro avviso, e riporta il playbook del New Oil Order, con i produttori a basso costo che aumentano l’offerta dalla loro capacità inutilizzata per costringere i produttori a costi più elevati a ridurre la produzione».

L’Arabia Saudita Aramco nel fine settimana ha avvertito i compratori che avrebbe offerto sconti di 4-8 dollari al barile, con le più grandi offerte riservate ai clienti negli Stati Uniti, riporta Arab News.

Il nove marzo, il greggio è sceso a 32 dollari dopo essere sceso brevemente sotto i 30 dollari, in calo rispetto ai 45 alla chiusura del venerdì.

La guerra dei prezzi è arrivata dopo che Riyadh e Mosca non sono riusciti a raggiungere un accordo sulla produzione in un incontro Opec+ del venerdì a Vienna.

La decisione di Riyadh è stata una ritorsione al rifiuto della Russia di tagliare la produzione, poiché Mosca ha ritenuto che l’aumento dei prezzi sarebbe stato un dono per l’industria americana dello shale oil. Gli attuali tagli del cartello scadranno alla fine di marzo. 

Ma mentre i sauditi hanno il costo di estrazione più basso del mondo, è generalmente accettato che Riyadh deve mantenere i prezzi nella fascia di 60 dollari per finanziare il suo budget.

Il presidente russo Vladimir Putin sembra aver adottato una linea dura, avendo sottolineato l’enfasi saudita sul mantenimento dei prezzi al passo con il progetto del principe ereditario, l’offerta pubblica internazionale iniziale per Aramco.

«Anche la Russia vuole spingere per un proprio cambiamento: armeggiare con le regole contabili dell’Opec per come il gas contribuisce alle quote petrolifere – una mossa che potrebbe permettere alla Russia di aumentare effettivamente la sua produzione di petrolio secondo i termini dell’attuale accordo», riporta Moscow Times, secondo il quale, mentre Riyadh è stato un leader entusiasta dei tagli, Mosca ha «sistematicamente superato la sua quota di produzione».

L’economia russa è cresciuta solo dello 0,5% nel primo trimestre dell’anno, e le voci dal ministero dell’Economia alla Rosneft hanno criticato l’accordo sui tagli alla produzione definendolo un investimento stordente nel settore energetico. Resta da vedere se i sauditi e i russi si ricongiungeranno e riusciranno a raggiungere una soluzione diplomatica dopo la separazione a Vienna.

L’impatto del coronavirus rimane anche un fattore chiave e un jolly che determinerà se e come la domanda globale rimbalzerà.

Anna Lotti