UK, entra in Nord Stream

15

RUSSIA – Mosca. La Voce di Russia oggi tra le notizie riferisce che l’Inghilterra sta pensando di entrare a far parte del progetto Nord Stream. A riferirlo alla testata il responsabile della BR Russia, Vladimir Buyanov.

Il gas russo darebbe al Regno Unito un bel giro di vite in materia di indipendenza dal carbone che è ancora molto in voga e andrebbe a rinforzare le scorte di gas. Se il Regno Unito riesce a sostituisce il gas naturale alle fonti più inquinanti che ancora utilizza si potrebbe da un lato rientrare nei parametri di Europa 20-20, dall’altro pensare a investire in nuovi progetti energetici. Mikhail Krylov, della società “Alpari” ha detto alla testata: «La costruzione del gasdotto fino a Norfolk può avvenire circa entro due anni. La BP è interessata alla cooperazione con la “Gasprom” dopo che la loro impresa d’oltreoceano è stata sostanzialmente danneggiata. Penso che la Parte britannica provvederà ad accelerare la realizzazione del ramo». L’Inghilterra attualmente sta comprando Gas da tutto il mondo: Medio Oriente, USA, Norvegia. Ma non sempre le forniture vanno a buon fine, un nuovo fornitore darebbe maggiore sicurezza all’Inghilterra. Non solo ben presto le risorse interne si esauriranno e quindi è assolutamente indispensabile sostituirle. Già dall’estate i rumors dicevano che Cameron e Putin a Londra durante i Giochi olimpici avessero parlato anche di energia. Si ipotizzano 300 milioni di dollari per l’ingresso di BP nel gasdotto russo. La parola ora passa all’Unione europea e al terzo pacchetto energia che vuole la libera concorrenza in materia dell’energia.

CONDIVIDI
Articolo precedentePuzzle Iraq
Articolo successivoVenti di guerra in Mali