Energia a dorso d’asino

14

TURCHIA – Smirne. 07/07/14. L’Associazione allevatori ovini di Smirne ha deciso di provvedere da sola alla carenza di servizi elettrici nella zona. Fonte Hurriet.com.tr

Si tratta di pannelli fotovoltaici speciali… perché viaggiano a dorso di mulo. L’idea nasce per raggiungere i diversi piccoli centri carenti di servizi e infrastrutture. Il sistema -a dorso di mulo/asino – può essere trasportato di villaggio in villaggio e si possono ricaricare telefoni cellulari, computer portatili, si può ascoltare la radio, e usare il resto della corrente per altre cose. «In questo modo», fa sapere il presidente dell’Associazione degli allevatori, Goat Breeders, «i produttori soprattutto rurali e pastori hanno l’energia a basso costo, non è stato necessario costruire un impianto di distribuzione e possono averla tutti, perché è trasportabile». Ora i contadini possono anche vedere la tv quando sono sui pascoli.

Ma in generale l’elettricità con la produzione di energia solare è molto semplice ed è eseguita metodo semplice, la zona di produzione alle dimensioni e alle esigenze in base a uno, due, cinque, dieci pannelli che producono da 1a10 kilowatt di produzione di energia elettrica. Da quando è arrivata la corrente elettrica è migliorata la qualità dei prodotti lattiero-caseari. Tra le novità più eclatanti la possibilità di fare il bagno con l’acqua calda. Grazie poi a d un secondo contratto l’elettricità c’è anche la notte e questo ha diminuito i furti presso le aziende agricole. Tutti sono dotati di telefoni cellulari. 

Il vice direttore della società degli allevamenti ovicaprini di Izmir, Ugur Polat, riferisce che il sistema di produzione di energia elettrica dal sole è semplice. Vi sono 8 modelli differenti che producono, di kit “Pastore Bag” sono completamente portatile. Il costo varia dalle 2.500-3.000 sterline,

Impostata la prima consegna della Borsa del Pastore basta posizionarla sul dorso del proprio asino. L’animale può pascere ovunque, sulla sella c’è la  batteria, il pannello viene posizionato ai lati dell’animale. E sempre sulla batteria vi sono due prese elettriche».