EMIRATI ARABI UNITI. Riyadh punta sulla green energy

36

Acwa Power prevede di concentrarsi maggiormente sui progetti di energia rinnovabile, portando la loro quota del portafoglio al 70% nel prossimo decennio, ha dichiarato il 9 settembre il suo amministratore delegato e presidente, Paddy Padmanthan. Il valore attuale del portafoglio dello sviluppatore di servizi dell’Arabia Saudita è di oltre 42 miliardi di dollari, con il 23% di energie rinnovabili.

«Entro il 2030, ci aspettiamo di vedere il 70% delle energie rinnovabili nel nostro portafoglio in termini di capitale investito», ha detto Padmanthan ripreso da Reuters al World Energy Congress. «Ci aspettiamo di vedere, in un dato anno, il 60% dei nuovi investimenti in energie rinnovabili».

Con oltre 150 paesi rappresentati, il World Energy Congress è l’evento sull’energia più grande e più influente al mondo che copre tutti gli aspetti dell’agenda energetica. Il Congresso triennale sull’energia, che si tiene dal 1924, consente il dialogo tra ministri, amministratori delegati, responsabili politici e operatori del settore sugli sviluppi critici del settore energetico.

Nel corso dei 90 anni di storia del World Energy Council, il Congresso è stato organizzato in oltre 20 città in tutto il mondo e il 24° Congresso Mondiale dell’Energia si svolge ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti dal 9 al 12 settembre 2019.

Acwa Power, che sviluppa centrali elettriche e impianti ad acqua desalinizzata, prevede di espandersi in nuovi mercati, ma manterrà il suo portafoglio di bilancio del 50% in Arabia Saudita e del 50% all’estero. La società ha attività in 12 paesi e ha presentato offerte per progetti di energia rinnovabile in cinque nuovi paesi: Etiopia, Tunisia, Cambogia, Azerbaigian e Uzbekistan.

«Stiamo rispondendo alla domanda, cercando la crescita e l’equilibrio», ha detto Padmanthan. Il fondo sovrano dell’Arabia Saudita, il Public Investment Fund, Pif, che già detiene una partecipazione del 25% in Acwa, prevede di aumentare la sua partecipazione al 40%, ha dichiarato a febbraio Yasir al-Rumayyan, amministratore delegato di Acwa. Padmanthan ha detto che i piani per un’offerta pubblica iniziale, Ipo, sono rimasti, con le banche che ancora lavorano con Acwa.

«In primo luogo, l’aumento della quota di Pif deve essere fatto, stiamo lavorando per ampliare la base azionaria, pronti ad andare al pubblico», ha detto, rifiutando però di dare un calendario per un simile sviluppo.

Maddalena Ingrao