EMIRATI ARABI UNITI. Gli innovatori del Medio Oriente

95

La famiglia Marktoum, saldamente al potere negli Emirati Arabi Uniti grazie al lavoro dei nuovi rampolli di casa, in modo particolare, sulla scena è arrivato il terzogenito di Shaikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, Vice-Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai, a gennaio ha compiuto 50 anni di servizio agli Emirati Arabi Uniti e ha approvato gli otto principi che definiscono la governance di Dubai. E proprio in quell’occasione è apparso lo Sceicco Maktoum Bin Mohammad Bin Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, Vice Governatore di Dubai, che ha dichiarato il suo impegno a rispettare i principi per migliorare ulteriormente il ranking di Dubai nel mondo.

Ha fatto di più, inviando un messaggio al padre. Shaikh Maktoum si è impegnato a garantire l’attuazione degli otto principi. Ha detto che, insieme a suo fratello Shaikh Hamdan Bin Mohammad Bin Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, principe ereditario di Dubai e presidente del Consiglio Esecutivo di Dubai, lavorerà per instillare i valori e i principi che ha raccolto dal padre.

Il giovane sceicco classe 1983, Shaikh Maktoum è il terzo figlio di Shaikh Mohammad Bin Rashid. Sua madre è Shaikha Hind Bint Bint Maktoum Bin Juma Al Maktoum. Il giovane ha studiato a Dubai e a Harvard economia.

È vice sovrano di Dubai dal febbraio 2008, quando suo fratello maggiore Shaikh Hamdan Bin Mohammad è stato nominato principe ereditario.

Tra gli incarichi svolti da Shaikh Maktoum: affari strategici, affari, finanza, comunicazione con i media, iniziative culturali e umanitarie. Nell’aprile di quest’anno, ricevendo i CEO di Uber e Careem, dopo che gli Uber hanno acquisito il servizio di app di ride-hailing Careem per 11 miliardi di Dh, Shaikh Maktoum ha affermato il suo impegno a fornire l’ambiente più favorevole alla crescita del business che ha fatto di Dubai la destinazione preferita dai principali investitori internazionali.

Dubai è diventata hub finanziario soprattutto per i leader nella regione del Medio Oriente, Africa e Asia meridionale (MEASA)

Un esempio delle aspirazioni del principe si può riscontrare nel museo di arte contemporanea da lui voluto: iI Jameel Arts Centre, primo museo d’arte contemporanea di Dubai, inaugurato lo scorso novembre. Secondo Shaikh Maktoum la creatività è un elemento chiave per la crescita delle civiltà e lo sviluppo delle nazioni. Egli ha osservato che gli Emirati Arabi Uniti hanno consolidato la sua posizione di centro per la creatività e punto focale per i creativi della regione.

«L’arte svolge un ruolo importante nel patrimonio culturale delle nazioni», ha detto Shaikh Maktoum. «Arricchisce le comunità e contribuisce al loro progresso e sviluppo grazie al fatto che si tratta di una lingua universale che può tagliare le barriere e aiutare le persone di diversa provenienza a trovare un terreno comune», ha detto.

Il Jameel Arts Centre, di 10.000 metri quadrati e a tre piani, progettato da Serie Architects, con sede a Londra, è la prima istituzione non governativa di arte contemporanea del suo genere nella regione del Golfo. Comprende oltre dieci gallerie, un centro di ricerca, una biblioteca e spazi di progetto che offrono agli appassionati d’arte uno spazio stimolante per pensare, sperimentare e creare.

Graziella Giangiulio