I numeri delle elezioni turche

50

TURCHIA – Ankara 29/05/2015. I cittadini turchi al voto il 7 giugno.

L’agenzia Anadolu fa il punto a chi giorni dalle elezioni che si svolgeranno tra poco più di una settimana e nel bel mezzo del processo di revisione costituzionale. Saranno stampate 74 milioni di schede di cui 4 per l’elettorato che vive all’estero. L’Akp, al potere da oltre un decennio, cercherà di rimanere alla guida con un governo a partito unico per portare avanti due riforme su cui ha scommesso: una nuova costituzione e l’introduzione di un sistema presidenziale al posto del parlamentare in Turchia. Il partito di Erdogan avrà bisogno di almeno 330 posti per essere in grado di controllare l’aula parlamentare, attualmente ne ha 312, dopo aver conquistato il 49 per cento dei voti nelle elezioni generali del 2011. Il sistema presidenziale è stato un tema caldo in Turchia negli ultimi mesi, per trasformare l’attuale sistema occorre o un emendamento costituzionale o una nuova costituzione, al posto di quella attuale redatta due anni dopo il colpo di stato militare, effettuato nel 1980, e poi emendata numerose volte. In forse è la presenza del Partito Democratico Popolare (Hdp) in parlamento: dovrebbe superare la soglia di sbarramento del 10 percento per avere una possibilità. È la prima volta che l’Hdp, nonostante una posizione tradizionale pro-curda, ma con particolare attenzione per i diritti e le libertà, entra nelle elezioni come un partito piuttosto che con candidati indipendenti. La sua roccaforte sembra essere la regione sud-orientale che ha la più alta concentrazione di popolazione curda, ma cerca anche di attirare gli elettori “urbani” delle città occidentali, soprattutto di Istanbul. Il corpo elettorale sarà tornato da 56 milioni di cittadini turchi e dovranno scegliere 550 deputati nella Grande Assemblea turca, in rappresentanza di 85 collegi elettorali in 81 province. Venti partiti si sfideranno alle elezioni, compresi Akp, Chp (opposizione), il Mhp e Hdp, insieme a 165 candidati indipendenti che cercheranno voti attraverso la Turchia. La votazione avrà inizio a livello nazionale alle 8:00 e termineranno alle 15:00; i turchi che vivono all’estero potranno esprimere il proprio voto tra l’8 maggio e il 31 maggio. Le restrizioni in seguito all’approssimarsi della data elettorale sono iniziate il 27 maggio, 10 giorni prima delle elezioni e si concluderanno il 6 giugno. In questo periodo, i partiti potranno fare propaganda elettorale utilizzando mezzi audio, video, scritti e web non potranno inviare sms o fare campagna telefonica; inoltre sono vietati i sondaggi elettorali. È fatto divieto a tutti i funzionari del governo di partecipare a cerimonie ufficiali; premier e ministri non potranno utilizzare auto di stato per la campagna elettorale.