Maldive è crisi politica

47

MALDIVE – Colombo.22/10/13. Le Maldive ci riprovano. Indetto nuovo round di elezioni, siamo al terzo, per eleggere il capo di stato. Le liste elettorali sono state pubblicate dai funzionari elettorali delle Maldive oggi, dopo l’annuncio della data delle nuove lezioni, il 9 novembre e per l’eventuale ballottaggio il 16. A comunicare le nuove date delle elezioni la Commissione Elettorali.

Le liste elettorali sono state un ostacolo importante nella precedente tornata elettorale, dopo che i due candidati alla presidenza hanno rifiutato di firmare le liste. Alle elezioni non voleva di certo arrivarci Mohammad Waheed, ex presidente, costretto a indire nuove elezioni, sotto la crescente pressione internazionale dopo gli eventi del 19 ottobre. Ora le Maldive vivono nel caos politico, dopo il secondo tentativo fallito di andare al voto. La polizia ha infatti sventato un colpo di stato messo in scena da parte di fedelissimi dell’ex presidente Waheed e li ha respinti verso un gruppo di isole dell’Oceano Indiano e spiccato un mandato di arresto per l’ex presidente.

L’ex presidente Mohammad Maldive Nasheed domenica ha chiesto l’arresto del presidente uscente Maldive Waheed e ha lanciato un appello per una maggiore assistenza da parte della comunità internazionale, dopo che il secondo turno di votazione è stato interrotto. La cancellazione voto ha scatenato proteste a Male dove Nasheed ha anche messo in scena un sit-in chiedendo nuove elezioni. Ha insistito, nel dire che non vi è alcuna possibilità di tenere elezioni presidenziali libere finché Waheed è al potere. E ha anche suggerito che il controllo delle elezioni dovrebbe essere consegnato nelle mani del Presidente del Parlamento per supervisionare l’elezione di un nuovo capo di Stato.

La comunità internazionale, guidata da India, Stati Uniti e Nazioni Unite hanno ripetutamente chiesto che il processo democratico per essere ripreso.