La base della discordia: Onaga governatore di Okinava

72

GIAPPONE – Tokyo. 16/11/14. Takeshi Onaga, a 64 anni, ex sindaco di Naha contrario al piano di delocalizzazione della base aerea degli Stati Uniti Futenma, ha vinto le elezioni di governatore della prefettura meridionale giapponese di Okinawa.

La schiacciante vittoria riportata da Onaga, avrebbe gettato ombre l’accordo USA-Giappone di trasferire la stazione aerea degli Stati Uniti dalla città affollata Ginowan nella prefettura della zona Henoko meno popolate nella città di Nago.
Onaga, che ha guadagnato il supporto dei partiti di opposizione, tra cui il Partito comunista giapponese e il partito socialdemocratico, che ha battuto il Partito Liberal Democratico sostenuti dall’attuale governatore di Okinawa Hirokazu Nakaima. Onaga ha detto che la sua vittoria dimostra che il “popolo di Okinawa non è d’accordo”, con il rogetto di discarica, aggiungendo che è “determinato a lavorare per l’annullamento e la revoca” della decisione presa da Nakaima. I giornali di Okinawa hanno analizzato che la vittoria di Onaga avrà un impatto sulle opere discariche attuali e il futuro del processo di spostamento della base aerea di Futenma. L’Okinawa Times ha detto oggi che la vittoria di Onaga riflette l’opposizione di Okinawa contro il piano di delocalizzazione Futenma e le opere di discarica in Henoko, questo cambierà le relazioni tra il governo statunitense e giapponese e ha a che fare con la volontà pubblica di Okinawa e con il governo locale che dovrà ora gestire le relazioni con Stati Uniti e il Giappone.
Il sentimento contro le basi americane è profondo a Okinawa per molto tempo da quando gli Stati Uniti ha restituito le isole al Giappone nel 1972, non solo perché la piccola isola nella Prefettura detiene una massa di basi militari americane in Giappone, ma anche per le preoccupazioni per la sicurezza e il rumore, soprattutto dopo alcuni il susseguirsi di incidenti di aerei militari degli Stati Uniti e una serie di reati come lo stupro da parte di militari delle basi Stati Uniti. Anche se il primo ministro Shinzo Abe ha spinto il piano di delocalizzazione e ha promesso di dare un sostegno finanziario per contribuire a rafforzare l’economia di Okinawa, i residenti locali sembrano non essere soddisfatti. Secondo fonti locali il risultato delle elezioni del governatore potrebbero influenzare una possibile elezione della camera bassa che si terranno nel mese di dicembre.