El Baradei apre ai Fratelli

33

EGITTO – Il Cairo 03/08/2013. Secondo il vice presidente egiziano Mohamed El Baradei, il capo dell’esercito Abdel Fattah al-Sisi è sicuro della necessità di una soluzione politica alla crisi egiziana; El Baradei ha poi detto che il generale non pensa di candidarsi per la presidenza.

«Al Sissi è cosciente che ci deve essere una soluzione politica. Ma naturalmente lui ha la responsabilità di proteggere il paese in termini di sicurezza. E l’esercito è in prima linea», ha detto El Baradei al Washington Post. L’intervista è stata pubblicata dopo che l’Unione europea ha detto di volersi porre  come negoziatore nel braccio di ferro tra i Fratelli Musulmani e l’amministrazione sostenuta dall’esercito. El Baradei ha detto che le proteste dei Fratelli Musulmani dovrebbero essere risolte attraverso il dialogo, nonostante gli avvertimenti del ministero dell’Interno che minacciava di disperdere gli assembramenti con la forza. «Non voglio vedere altro spargimento di sangue. Nessuno vuole questo. Stiamo facendo del nostro meglio», ha detto ElBaradei. «Devono cooperare», ha aggiunto, riferendosi alla Fratellanza «Ma devono sentirsi sicuri, hanno bisogno di immunità, hanno bisogno di sentire di non essere esclusi. Si tratta di cose che siamo disposti a fornire». In detenzione da quando è stato deposto, Morsi affronta un’inchiesta giudiziaria per le accuse di omicidio e di cospirazione con Hamas nel 2011. El Baradei ha detto che vorrebbe vedere svanire le accuse contro Morsi «se non sono molto gravi». «Mi piacerebbe vedere un possibile indulto come parte di un grande piano. Perché il destino del paese è molto più importante» ha detto al WP.