The Square

57

EGITTO – Il Cairo 28/01/2014. L’effervescenza della situazione politica egiziana è atto gli occhi di tutti.

Il clima socio-politico nell’Egitto di oggi è completamente diverso da quello di tre anni fa. La storia di questi incredibili momenti che hanno portato al potere l’Ikhwan al Muslimun sono narrati nel film documentario The Square, ancora non disponibile proprio in Egitto. In Egitto , coloro che vogliono vederlo devono farlo con copie pirata o utilizzando una Vpn per accedere a The Square su Netflix, non disponibile per lo streaming nel paese delle piramidi. Il film non è nelle sale e non c’è alcuna proiezione ufficiale. Molti egiziani che lo hanno visto tramite copie pirata hanno poi  chiesto scusa al regista tramite Tweeter o Facebook, dicendo che questo era l’unico modo; il regista, Jehane Noujaim, ha detto di avere sentimenti contrastanti sulla visione di copie pirata perché si perde il lavoro di oltre trenta persone ma la diffusione virale del era emozionante. Sono state decine gli upload su Youtube e Vimeo poco dopo che il film è stato reso disponibile su Netflix il 17 gennaio, la maggior parte dei quali eliminati in breve tempo per violazioni del copyright: uno di essi  aveva registrato più di 27mila visite in pochi giorni. “The Square” è il primo film egiziano ad essere nominato per un Academy Award; la sua premiere egiziana al festival del cinema del Cairo a dicembre 2013, è stata rinviata perché privo dell’autorizzazione scritta da parte della Censura, scatenando le polemiche e l’interesse per il film. 

I produttori, riporta al Monitor,  a gennaio 2014 hanno firmato un contratto con la Misr International Films per i diritti di distribuzione commerciale in Egitto, e hanno richiesto un nuovo permesso per proiettare il film nel paese.