EGITTO. Referendum per allargare i poteri di al Sisi

31

In Egitto si vota per un referendum di tre giorni sulle modifiche costituzionali che potrebbero consentire al presidente Abdel Fattah al-Sisi di rimanere in carica fino al 2030, a partire da oggi.

Questa settimana il Parlamento ha approvato a stragrande maggioranza le proposte, che rafforzerebbero anche il ruolo dei militari e amplierebbero il potere del presidente sulle nomine giudiziarie. I sostenitori del regime sostengono che Sisi ha stabilizzato l’Egitto e ha bisogno di più tempo per completare riforme economiche cruciali. I critici dicono di temere che i cambiamenti limitino ulteriormente lo spazio per il dissenso dopo un’ampia repressione della sicurezza.

L’emendamento all’articolo 140 della costituzione, riporta Reuters, estende il mandato presidenziale da quattro a sei anni. Una clausola aggiuntiva estende l’attuale mandato di Sisi a sei anni, da quattro anni dalla sua vittoria elettorale nel 2018, e gli permette di candidarsi per un terzo mandato nel 2024. Gli emendamenti prevedono la creazione di una seconda camera parlamentare nota come Consiglio dei senatori. Avrebbe 180 membri, due terzi eletti dal pubblico e gli altri nominati dal presidente.

L’articolo 200 della costituzione sul ruolo dei militari viene ampliato, dando ai militari il dovere di proteggere «la costituzione e la democrazia e la composizione fondamentale del paese e la sua natura civile, i vantaggi del popolo e i diritti e le libertà degli individui».

Gli emendamenti creano anche la carica di vicepresidente, consentendo al presidente di nominare uno o più deputati; incaricano il presidente di scegliere i capi dei giudici e il pubblico ministero tra un pool di candidati più anziani preselezionati dalla magistratura. Creano inoltre una quota che fissa la rappresentanza delle donne in parlamento ad un minimo del 25%.

Questi emendamenti sono stati presentati dal blocco parlamentare filogovernativo conosciuto come Support Egypt, e secondo la relazione della commissione legislativa del parlamento, 155 membri hanno presentato la proposta iniziale. Il 16 aprile, 531 dei 596 membri del parlamento egiziano, a stragrande maggioranza pro-Sisi, hanno votato a favore dei cambiamenti.

Il presidente del Parlamento Ali Abdelaal ha detto che gli emendamenti erano un’iniziativa parlamentare e che Sisi non può nemmeno scegliere di correre di nuovo; i sostenitori dei cambiamenti hanno sostenuto che Sisi è salito al potere con un enorme mandato dopo le proteste di massa nel 2013 contro il presidente islamico Mohamed Mursi, con il miglioramento degli indicatori macroeconomici, dicono che Sisi merita più tempo per costruire sulle riforme.

La relazione della commissione legislativa ha dichiarato che i rappresentanti religiosi, accademici, politici e della società civile hanno espresso un forte sostegno generale per i cambiamenti durante un periodo di consultazione prima del voto finale del parlamento.

La commissione legislativa ha riconosciuto una certa opposizione agli emendamenti da parte dei membri della magistratura e di due organizzazioni non governative. Solo 22 membri del parlamento hanno votato contro gli emendamenti. L’opposizione dice che una promessa centrale della rivolta del 2011 che ha rovesciato l’allora presidente Hosni Mubarak è a rischio: il principio del trasferimento pacifico del potere. Si dice che gli emendamenti sono stati spinti da Sisi e dal suo vicino entourage, e dalle potenti agenzie di sicurezza e di intelligence. Temono anche i cambiamenti che spingono le forze armate nella vita politica, assegnando loro formalmente un ruolo nella protezione della democrazia.

Antonio Albanese