Egitto: imponenti misure di sicurezza per il processo a Morsi

70

EGITTO – Il Cairo. 03/11/13. I Ministeri egiziani si stanno preparando con imponenti misure di sicurezza per una giornata di potenziali disordini, per domani, 4 novembre, il giorno in cui l’ex presidente Mohamed Morsi dovrebbe comparire in tribunale.

Il ministero dell’Interno ha detto ieri che le forze di sicurezza si stanno preparando per proteste a seguito di chiamate di marcia dai Fratelli Musulmani in favore dell’ex presidente. La Fratellanza, sta cercando di diffondere il caos e ostacolare il traffico ha fatto sapere il Ministero degli interni alla stampa, fonte egyptindependent.
Nello stesso comunicato il ministero ha detto che userà ogni strumento legale a sua disposizione per bloccare le manifestazioni. Tutti i dipartimenti ministeriali sono stati incaricati di proteggere la proprietà pubblica e di polizia e prevenire la violenza.

Il Ministero della Salute ha anche annunciato che è in allerta in vista del processo a Morsi. Nessun ospedale o il personale dei servizi di emergenza sono stati consentiti giorni di ferie o di riposo. Il ministero ha detto che avrà una sala operativa centrale collegata con i governatorati in tutto l’Egitto, che comunica direttamente con il Ministero dell’Interno sugli sviluppi significativi. I servizi di emergenza avranno 2.004 ambulanze a disposizione, 434 dei quali di stanza nella capitale. Le ambulanze saranno distribuiti lungo autostrade, deserti e strade internazionali e costiero a partire da oggi, domenica.

Distribuite anche apparecchiature mediche e sacche di sangue soprattutto negli ospedali de Il Cairo. Centinaia di sostenitori dei Fratelli Musulmani sabato hanno protestato fuori dall’Alta Corte dove chiedono la fine del processo a Morsi. La protesta è stata pacifica ha detto Mohamed Yehia, un membro del movimento. «Riprenderemo domani il giorno del processo a Morsi», ha detto Yehia, «che vedrà il più grande raduno davanti al luogo del suo processo e vicino ambasciate e consolati». I sostenitori di Morsi solleveranno l’emblema giallo di Rabaa al-Adaweyae (dove sono stati uccisi dalla polizia i manifestanti pro Morsi il 14 agosto) e scandiranno slogan contro i militari egiziani».
Il governo egiziano ha anche deciso di chiudere la sede di Il Cairo di Al Jazeera. Tv del Qatar a cui è stato vietata la trasmissione perché accusata di legare la sua copertura ad eventi che mirano a «mettere a tacere il popolo egiziano». A darne notizia l’agenzia di stampa AFP.
Il ministro egiziano per le comunicazioni Anas el-Fekki ha ordinato il divieto di Al-Jazeera di trasmettere, perché ha ampiamente coperto le proteste anti-governative, ha detto Domenica il MENA agenzia di stampa ufficiale.
Il ministro «ha deciso che il servizio di informazioni di stato dovrebbe chiudere e annullare le attività di Al-Jazeera nella Repubblica araba d’Egitto, annullare tutte le autorizzazioni e rimuovere tutte le schede (rilascio) del suo dipendenti fino ad ora» si legge sulla agenzia di stampa Mena.

Al-Jazeera è accusata dai critici di essere la cassa di risonanza per gli estremisti islamici, il leader di Al-Qaeda Osama bin Laden, di cui ha trasmesso i messaggi. La sua copertura dell’Iraq, considerato favorevole per l’insurrezione sunnita, ha portato al suo essere bandito nel paese dopo l’avvento al potere degli sciiti.
Dal momento che questa estate, Al-Jazeera si è anche impegnata in una resa dei conti con la Giordania, che la accusa di aver interrotto il segnale durante la trasmissione della Coppa del Mondo FIFA in Sud Africa.