A Minya ritorna la jizyah

59

EGITTO – Il Cairo. 16/09/13. Le forze di sicurezza supportate da mezzi blindati ed elicotteri hanno preso d’assalto una città a sud del Cairo, che era stata occupata da oltre due mesi dai militanti fedeli dall’Presidente Morsi. Gli Attivisti locali, Adel Shafiq e Ezzat Ebrahim, secondo una forza militare congiunta di esercito e polizia, si erano rifugiati nella città di Dalga, a circa 300 chilometri (190 miglia) a sud della capitale egiziana, prima dell’alba. Ci sono stati circa 10 minuti di conflitto a fuoco serrato, seguiti da colpi sporadici sparati dalle forze governative che hanno poi cominciato le perquisizioni casa per casa per arrestare militanti.

 

Due elicotteri militari volavano a bassa quota sulla città che ha una popolazione di 120.000, di cui circa 20.000 sono di religione cristiana. Le forze di polizia hanno chiuso tutti gli ingressi alla città e hanno ordinato ai residenti di rimanere in casa. 

I militanti hanno portato la polizia di Dalga, che si trova ai margini della valle del Nilo, al confine con il deserto occidentale, nella provincia di Minya, nel sud dell’Egitto, area messa a ferro e fuoco dopo il 3 luglio con la cacciata del presidente islamista Mohammed Morsi.

In questa regione dell’Egitto, secondo le testate dell’area del Golfo Persico, dopo il rovesciamento di Morsi vi è stata una repressione mortale dei suoi seguaci, a questi eventi si sono susseguiti atti di vandalismo e violenza da parte di folle inferocite che hanno dato alle fiamme a decine di chiese in tutto il sud e saccheggiato case e interi villaggi. In Dalga, l’Associated Press ha dichiarato di aver visto una chiesa risalente al 4 ° secolo, ridotta a un involucro annerito. Con i resti di chierici venerati sparsi in quello che restava della chiesa e ovunque era scritto: “L’Egitto è islamico “.

I Militanti armati girano indisturbati per le strade, e i sostenitori di Morsi tengono dimostrazioni quotidiane al di fuori della stazione di polizia chiedendo la reintegrazione del presidente deposto. I Cristiani a Dalga dicono che i militanti hanno chiesto soldi in cambio della loro protezione, una rievocazione di un antico retaggio, una antica pratica oramai abbandonata chiamata ” jizyah ” ovvero soldi raccolti da non-musulmani.

I funzionari della sicurezza a Minya hanno riferito che parecchi militanti sono stati arrestati in Dalga, compresi i membri della Gamaa Islamiyah, un gruppo militante che è uno stretto alleato dei Fratelli musulmani di Morsi. La Gamaa ha guidato la rivolta contro il governo nel 1990 ed è accusata di una serie di omicidi di alto profilo, al momento con l’uccisione di cristiani benestanti e turisti occidentali.

I funzionari hanno parlato a condizione di anonimato non essendo autorizzati a parlare. Minya è una roccaforte della Gamaa ed era il cuore dell’insurrezione degli anni ’90. È anche sede della più grande comunità cristiana in una delle province d’Egitto, che costituiscono circa il 35 per cento dei suoi circa 4,5 milioni di residenti. I cristiani sono circa il 10 per cento della popolazione nazionale.