EGITTO. Le isole sul Mar Rosso sono saudite

357

L’alta corte egiziana ha respinto tutte le istanze legali sull’accordo, peraltro controverso, secondo cui il Cairo cede la sovranità di due delle sue isole del Mar Rosso all’Arabia Saudita, principale paese “benefattore” egiziano, il giorno precedente alla visita del principe ereditario arabo Mohammed bin Salman nel paese.

Il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha annunciato nell’aprile 2016 che le due isole di Tiran e Sanafir rientravano nelle acque territoriali dell’Arabia Saudita, come stabilito in un accordo di frontiera firmato tra il Cairo e Riad all’inizio di quel mese, innescando azioni legali per bloccare l’accordo e ampie manifestazioni di massa, riporta PressTv. Tiran e Sanafir si trovano a circa quattro chilometri di distanza nel Mar Rosso. Si trovano all’ingresso del Golfo di Aqaba, che conduce alla Giordania e ai territori palestinesi occupati.

I manifestanti avevano accusato il presidente egiziano di aver consegnato il territorio egiziano in cambio di denaro ai sauditi poiché era venuto fuori che il Cairo avrebbe ricevuto 20 miliardi di dollari di aiuti da Riad per cedere la sovranità delle isole disabitate.

La Corte suprema, tuttavia, il 3 marzo scorso, ha stabilito che nessun’altra corte era competente in materia, bloccando due sentenze contrarie, una della Corte suprema amministrativa, che si opponeva al trasferimento delle isole ai sauditi, l’altra della Corte d’urgenza, che ha cercato di annullare la decisione. «La firma del rappresentante dello Stato egiziano sull’accordo sui confini marittimi tra i governi di Egitto e Arabia Saudita è senza dubbio un atto di sovranità», ha affermato la Corte Suprema in una dichiarazione, aggiungendo che l’approvazione dell’accordo spettava all’organo legislativo egiziano.

Il principe Mohamed ha firmato l’accordo a nome dell’Arabia Saudita prima di diventare principe ereditario e il parlamento egiziano ha approvato l’accordo nel giugno dello scorso anno e Sisi l’ha ratificato una settimana dopo. Riad e Il Cairo sostengono che le isole appartengono all’Arabia Saudita e che il regno arabo ha chiesto all’Egitto nel 1950 di proteggerle. Tuttavia, avvocati e oppositori dicono che la sovranità dell’Egitto sulle isole risale a un trattato del 1906, prima della fondazione dell’Arabia Saudita.

Luigi Medici