Proteste a Giza, Il Cairo e Alessadria

54

EGITTO- Giza. 26/01/15. Continuano i conflitti in Egitto ancora tre morti tra gli ufficiali di polizia.

Oramai da tre giorni in molte città dell’Egitto ci sono scontri a fuoco tra i giovani e le forze della polizia. Nei combattimenti avvenuti in tutto il centro del Cairo, nel sobborgo di Giza e ad Alessandria sono rimaste ferite almeno 38 persone, secondo il ministero della Salute egiziano. Dei 16 morti, almeno 11 erano manifestanti e almeno tre erano della polizia. Nonostante una serie di episodi violenti, le strade del centro della capitale egiziana erano relativamente libere e scorrevoli, prive delle proteste di massa che costrinsero Hosni Mubarak a dimettersi nel gennaio 2011. La relativa calma era in gran parte dovuta al pesante schieramento di polizia preparato dal presidente Abdel Fattah Al Sisi: il 25 gennaio, gli ingressi a piazza Tahrir erano bloccati da veicoli militari blindati e filo spinato.

CONDIVIDI
Articolo precedenteI soldi di Haftar
Articolo successivoI problemi del bolivar