Ripartono gli investimenti in Egitto

42

EGITTO – Il Cairo. 04/10/14. Qalaa Holdings Egitto sta valutando un aumento di capitale del valore di 4 miliardi di sterline (560 milioni dollari) come parte degli sforzi per rafforzare il controllo dei propri investimenti core e sanare le perdite.

La transazione non-cash comporterebbe lo scambio di azioni della società holding di partecipazioni a più grandi aziende in cui Qalaa ha investito. In caso di successo, la mossa porterà in pancia a Qalaa 8 a 12 miliardi di sterline. Secondo la casa madre l’operazione avviene in un moneto di fiducia nell’economia e del mercato azionario egiziano, in crescita dopo tre anni di turbolenze all’indomani del 2011 rivolta che ha rovesciato Hosni Mubarak. La cifra finale per l’aumento di capitale deve ancora essere confermata e la transazione non è stato finalizzata. L’azienda, che si è trasformata da una società di private equity ad un struttura di holding di investimento, ha incrementato il suo capitale di circa 530 milioni di dollari nell’ottobre 2013. 

«Si tratta di un aumento di capitale, ma si tratta di un aumento di capitale che non è diluito», ha detto una fonte alla testata Al Arabya, che ha parlato a condizione di anonimato. «I proventi saranno reinvestir e in parte serviranno per la riduzione del debito» . La società, precedentemente noto come Citadel Capital, sta riducendo la sua attenzione per l’energia, i trasporti, agroalimentare, mineraria e del cemento e sta disinvestendo in partecipazioni al di fuori di tali settori. Allo stesso tempo, si sta cercando di assumere la piena proprietà dei beni fondamentali. In Egitto stanno arrivando milioni di dollari di aiuti da quando Morsi è stato cacciato dal potere. L’Indice principale dell’Egitto ha guadagnato 18,6 per cento dall’elezione di Sisi a maggio e ora si trova di sopra del suo livello pre-rivolta, suggerendo un voto di fiducia da parte degli investitori locali. La transazione Qalaa può aiutare a rassicurare gli investitori stranieri che devono ancora tornare in Egitto il più grande paese arabo, e sono in attesa di più segni per la stabilità che sta tornando. 

Qalaa ha qualche 9,5 miliardi di dollari di asset in gestione, comprese le partecipazioni in decine di aziende principalmente in Egitto e in Africa. In primo luogo è stata impostata come Cittadella nel 2004, ha seguito un modello di private equity acquistando partecipazioni in piccole imprese, crescendo loro di essere redditizia in fretta per poi vendere con profitto. La ristrutturazione è iniziata quando la società si è resa conto di aver investito pesantemente in start-up che non hanno dato modo di portare profitti a seguito della crisi economica. Qalaa ha registrato una perdita di secondo trimestre di 180 milioni imprese hanno cessato la loro attività.