Al-Sisi ritorna all’istruzione modello Mubarak

39

EGITTO – Il Cairo. 26/06/14. Il neo eletto presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi vuole tornare al sistema di selezione per gli insegnanti dell’era di Mubarak. Il preside delle Istituzioni educative sarà selezionato ogni quattro anni. Fonte izvestia.ru.

Il presidente del paese, allo stesso tempo ha il diritto di rimuovere qualsiasi presidente o preside dell’università, senza attendere il completamento dei loro attuali incarichi. Il 24 giugno, al-Sisi ha firmato un decreto in base al quale i presidenti e rettori di università del paese saranno nominati dal Ministro della Pubblica Istruzione scelti tra tre candidati per ogni posizione. I candidati, a loro volta, saranno selezionati da una commissione speciale, approvato dal Consiglio Supremo delle Università. Oltre al consiglio di rettori di università a fat parte del Consiglio noti personaggi pubblici ed esperti in vari campi, istruzione universitaria e politici. Questa metodologia era quella che utilizzava l’ex presidente Hosni Mubarak prima della rivoluzione del 25 gennaio 2011. Nella fase di transizione e nel dopo Mubarak i rettori e i presidi erano eletti dall’assemblea generale della università o facoltà.

«Il ruolo principale nel rovesciamento di Mubarak, ha giocato un ruolo importante solo in quelle università e scuole dove la formazione islamica era prevalente. E ora al-Sisi non ha bisogno di insegnanti islamici» ha detto il professor Vladimir Isayev dell’IAAS MSU.

Secondo lui, l’istruzione dovrebbe essere messo sotto il controllo dello Stato, in modo che diventi sempre più secolarizzata, piuttosto che islamica. In molti modi questo è un ritorno ai tempi di Mubarak, ma in forma più aggiornata e più rigida. L’educazione ricevuta nelle università egiziane, è riconosciuto in altri paesi arabi, così gli studenti vengono a Il Cairo da molti paesi. Le università sono considerate come fonti di rinascita della cultura araba e la formazione dell’identità nazionale. «Lasciare agli islamisti di influenzare la pubblica istruzione significa fornire loro un altro mezzo di pressione» ha detto Isayev. – Per evitare questo, al-Sisi, sostenuto dall’esercito sta cercando di ripristinare il vecchio sistema, tra cui quello dell’istruzione. Il nuovo presidente spera di rendere l’Egitto leader del mondo arabo, ma senza l’aiuto dei radicali. Sergey Seregichev, Professore Associato State Humanitarian University, Istituto di esperto di Medio Oriente sostiene che gli Egiziani hanno bisogno di riforme e Al-Sisi prepara gradualmente le persone attorno a lui per dare vita ad un periodo di grandi riforme. In Egitto, la più prestigiosa Accademia musulmana,è Al-Azhar, fondata nel 988, e l’Università di Stato del Cairo e di diverse altre università.