ECUADOR. Sono venezuelani i rider di Quito

40

Il rapido aumento del numero di servizi di consegna in Ecuador è stato possibile in gran parte a causa della migrazione venezuelana nel paese, poiché i rifugiati venezuelani, oltre il 50 percento dei “rider”, hanno scelto questo tipo di lavoro per vivere. Come in altre capitali del mondo, questo tipo di servizio è cresciuto notevolmente, e in molti paesi dell’America Latina è arrivato a seguito del flusso venezuelano. A Quito, è normale vedere ad ogni semaforo automobilisti o ciclisti che trasportano zaini gialli, verdi o rosa delle più note società di distribuzione, un fenomeno inconcepibile solo un anno fa, riporta Efe.

Più del 50 percento dei rider a Quito è di origine venezuelana, per lo più giovani che non avevano prospettive di lavoro e ora hanno un reddito. La branca locale della Glovo ha avviato le operazioni a giugno 2018, il marchio è cresciuto rapidamente a Quito, a Guayaquil e a Cuenca, mercati principali dell’azienda che ha circa 1.000 “glovers”, come vengono chiamati i rider e una lunga lista d’attesa di persone che vogliono lavorarvi; la categoria principale dei suoi affari riguardano la consegna a domicilio di prodotti alimentari.

La maggior parte dei lavoratori di Glovo sono venezuelani, riporta Efe; l’Ecuador, che attualmente sta attraversando un rallentamento della sua economia, ha accolto tra 350.000 e 400.000 venezuelani negli ultimi due anni e ottenere lavoro non è un facile. In alcuni casi, tuttavia, il lavoro di consegna è diventato un affare di famiglia e non è insolito vedere il marito guidare la moto, con la moglie e un bambino sul retro che trasporta la scatola.

Molti dipendenti di Uber a Quito, poi, sono venezuelani, quindi non è solo il lavoro di consegna a cui i migranti stanno gravitando, ma anche i servizi di trasporto, sebbene ciò non sia ancora legale in Ecuador.

Maddalena Ingrao