Alleggerita la quarantena in Sierra Leone

36

SIERRA LEONE – Freetown 24/01/2015. Grazie ad una “tendenza al ribasso” nel numero di nuovi casi di Ebola, la Sierra Leone sta alleggerendo le restrizioni, legate alla quarantena, a livello nazionale che sono in vigore dalla scorsa estate.

«Le restrizioni movimento sarà alleggerite per sostenere l’attività economica. In quanto tale, non ci saranno più restrizioni al movimento in alcun distretto», ha detto il presidente Ernest Bai Koroma in un discorso alla nazione il 22 gennaio.
La nazione africana di sei milioni di persone ha limitato la libertà di movimento per circa metà della sua popolazione, sigillando sei dei suoi 14 distretti e numerosi regni tribali dalla proclamazione dello stato di emergenza nel mese di luglio in risposta ad una epidemia che ha ucciso più di tremila suoi abitanti.
Analoghi rallentamenti dei tassi di infezione erano stati precedentemente segnalati nella vicina Liberia e in Guinea, gli altri paesi più colpiti dalla crisi. Secondo gli ultimi dati ufficiali Oms, la Liberia, che ha avuto un picco di oltre 300 nuovi casi una settimana tra agosto a settembre, ha registrato solo otto la scorsa settimana, mentre ci sono stati solo 20 casi confermati in Guinea sempre la scorsa settimana contro i 45 della settimana precedente.
Il dato per la Sierra Leone era di 117 la scorsa settimana contro i 184 della precedente; secondo l’Oms, poi, l’ovest del paese è rimasto una zona problematica. Inoltre, il New York Times, riporta che il primo studio clinico per testare l’efficacia dei vaccini contro Ebola dovrebbe essere avviato in Liberia tra due settimane, paese in cui i test “umani” di vari vaccini sono in corso da qualche tempo.