Ebola ricompare in Sierra Leone

51

SVIZZERA – Ginevra 16/01/2016. Dopo l’annuncio della fine dell’epidemia di Ebola in Africa occidentale il 14 gennaio, un nuovo caso è stato scoperto in Sierra Leone.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato, infatti, la fine dell’epidemia di Ebola in Africa occidentale, mail 15 gennaio la stessa organizzazione ha confermato un nuovo caso nel paese: «Possiamo confermare il caso di Ebola in Sierra Leone», ha detto l’Oms in un comunicato inviato ai media.

Prima di questo annuncio, i funzionari della Sierra Leone stavano indagando, infatti, su alcuni decessi sospetti di Ebola nel nord del paese, dopo che un primo campione era risultato positivo al virus, secondo fonti ufficiali, poche ore dopo la dichiarazione di cessazione dell’epidemia in Africa occidentale. Nonostante l’annuncio, l’Oms aveva tuttavia invitato alla prudenza contro la comparsa di nuovi casi; il virus rimane attivo in certi fluidi corporei, compreso lo sperma ove può rimanere attivo fino a nove mesi o un anno.
L’epidemia di Ebola era apparsa nel dicembre 2013 in Guinea prima di diffondersi in diversi paesi della subregione, in particolare in Sierra Leone e Liberia. Ha fatto tutto in 11.315 morti su 28.637 casi segnalati soprattutto in Guinea e Liberia.
Ebola è noto da quaranta anni; il virus è stato scoperto per la prima volta in Africa centrale. Fino ad oggi, non c’è rimedio contro questa malattia altamente infettiva che uccide rapidamente le sue vittime.