Dubai emissioni obbligazionarie in vista

62

EMIRATI ARABI UNITI – Dubai. 13/01/14. Sempre più pressanti le voci in Medio Oriente secondo cui Dubai sta per emettere un nuovo prestito obbligazionario.

 

L’emirato è stato uno dei primi emittenti di bond del Golfo nel 2013, con una doppia tranche:10 anni sukuk e 30 anni “convenzionali” e può essere uno dei primi emittenti anche quest’anno, così hanno riferito da IFR.

I rumors su Dubai sono cresciuti negli ultimi tempi. Soprattutto dopo l’annuncio World Expo, a darne notizia un funzionario del sindacato dei bancari dei mercati emergenti, riferendosi alla notizia di fine novembre secondo cui Dubai ospiterà la fiera del mondo nel 2020. A quanto pare l’emiro sarebbe a corto di liquidi, e quindi ha intenzione di rifinanziare una parte del suo debito tornado al mercato del debito. 

Il World Expo aumenta le probabilità di una emissione obbligatoria. L’evento, secondo le stime dell’emirato, dovrebbe potrebbe portare a Dubai un afflusso di 25 milioni di visitatori, e quindi serviranno nuovi progetti per costruzione e significativi miglioramenti delle infrastrutture. L’anno scorso, le autorità di Dubai hanno stimato i costi di finanziamento per un totale di 8,4 miliardi di dollari (8,9 per cento del prodotto interno lordo) e il governo impegnato a finanziare interamente il fabbisogno di capitale di 6,8 miliardi di dollari. A darne notizia gli analisti di Bank of America-Merrill Lynch in una nota del novembre 2013: «Penso che si possa prevedere che a Dubai nei prossimi mesi si vedranno molti investitori, perché le condizioni di mercato sono eccellenti e bisogna colpire il ferro finché è cado», ha detto un bancario DCM.

Tutto questo ottimismo va calmierato anche perché le società statali di Dubai hanno ancora a che fare con una serie di scadenze del debito nei prossimi anni, un retaggio della crisi del 2008. L’emirato dovrà procedere con cautela per non aggiungere troppo debito a quanto già accumulato, hanno riferito gli analisti economici.

«Penso che ci sarà qualche nuova emissione, ma probabilmente non rilevante», ha detto un secondo analista DCM con sede a Dubai .

Tra i debiti del governo di Dubai si contano circa 20 miliardi di dollari in scadenza nel mese di novembre 2014.