Dubai investe nel “turismo medico”

59

di Graziella Giangiulio EAU – Dubai 10/10/2016. Ospedale al femminile per donne e bambini a Dubai. Le donne già costituiscono il 87 per cento del personale al MedCare Women and Children Hospital, riporta The National, che ha già solo personale femminile nei suoi reparti di radiologia e ginecologia.

Inaugurato il 6 ottobre dalla principessa Haya di Giordania, dalla moglie dello sceicco Mohammed bin Rashid, vice presidente e governatore di Dubai, l’ospedale punta ad avere il 100 per cento di personale femminile in tempi brevi. L’ospedale è specializzato in ostetricia, ginecologia, pediatria, gastroenterologia, endocrinologia, urologia, chirurgia plastica, chirurgia generale, dermatologia e odontoiatria.

L’obiettivo finale di una simile scelta è incoraggiare le donne ad avere regolari test e scansioni, tutelando la loro salute. Anche se il lancio ufficiale è stato il 6 ottobre scorso, l’ospedale è in funzione da luglio e 170 nascite si sono già registrate nella struttura. 

L’ospedale dispone di una piscina per i pazienti e avrà presto un centro yoga e benessere; il costo di una stanza al giorno è 1300 dirham per una camera singola, 6500 per una deluxe e 9,000 per una suite.

Il settore medico è in espansione nel paese. Gli Eau e Dubai pinparticolare, puntano a attrarre più di 500mila “turisti della salute” dagli Eau e dall’estero entro il 2020. La sua ambiziosa proiezione prevede la costruzione di diverse strutture ospedaliere e di accoglienza, come riporta Arabian Business.

Le autorità di Dubai si stanno concentrando su innovazione, ricerca e sviluppo, nonché la formazione del personale per migliorare l’efficienza dei servizi sanitari per fare di Dubai una destinazione attraente per gli investimenti sanitari, il turismo medico e quello familiare.