Teatri della rivolta ucraina: Donetsk e Slaviansk

94

ITALIA – Roma 25/04/2014. Slaviansk, Donetsk sono teatro delle proteste filorusse che stanno sconvolgendo l’Ucraina vediamo di conoscerle un po’ meglio.

Donetsk è una città industriale e il centro amministrativo della oonima regione dell’Ucraina. La sua storia risale al 1869, quando il borgo si chiamava Yuzovka, in riconoscimento del suo fondatore John Hughes, uomo d’affari gallese arrivato nella regione in seguito alla scoperta di un deposito di carbone. Hughes costruì un impianto siderurgico in città, aprendo così la strada per un ulteriore sviluppo industriale. Nel 1924 la città venne ribattezzata Stalino, e nel 1932 divenne la capitale della regione di Donetsk. Nel novembre 1961 la città è stata rinominata Donetsk. Attualmente Donetsk è la quinta città più grande in Ucraina, con una popolazione di oltre un milione di abitanti. È un importante centro industriale , scientifico e culturale, con ben sviluppate infrastrutture di trasporto. La città è un importante centro dell’industria pesante; ci sono 2 organizzazioni industriali a Donetsk, che hanno una capacità economica complessiva di oltre 50 miliardi di grivna all’anno (4,4 miliardi dollari). Nel 2012, Forbes ha detto che Donetsk era la città migliore per fare affari in Ucraina. Venendo ai fatti più recenti dell’attualità ucraina, la città è stata il baricentro delle rivolte contro il governo centrale ad interim, sorto dopo l’allontanamento di Viktor Yanukovich. Il 7 aprile, i manifestanti che hanno sequestrato il palazzo del governo municipale hanno dichiarato la costituzione della Repubblica popolare indipendente di Donetsk.
Slaviansk è una città di 130mila abitanti, nella regione ucraina del Donetsk; è stata fondata, come fortezza, nel 1676. La fortezza di Tor fu fondata sul fiume Tor (ora Kazenyy Torets) per proteggere le vicine saline. La prima testimonianza scritta sulla città risale al 1623, quando la città era conosciuta come Solianoi Gorod (Città del sale), poiché il borgo, sorto attorno alla fortezza e alle saline, era diventato un importante centro di produzione del sale. Il 22 gennaio 1784 la città è stata ribattezata Slaviansk.
La città oggi è diventata un grande polo di produzione di macchinari, oltre che di materiali di costruzione e di soda. Slaviansk è l’unico produttore ucraino di sale di alta qualità, cioè contenente il 95 per cento di cloruro di sodio. La città è uno degli snodi ferroviari e automobilistici più grandi dell’Ucraina; anche alla luce della sua importanza termale: è uno dei più antichi centri di terapia del fango dell’Est Europa, visto che si trova in prossimità di laghi salati. Anche Slaviansk , insieme a molte altre città nel sud-est dell’Ucraina , è stata teatro di manifestazioni pro – russe dal marzo 2014.