Più armi per la difesa del Marocco

70

MAROCCO – Rabat. 04/12/13. La spesa per la difesa marocchina passerà da 3,8 miliardi di dollari nel 2014 a 4,5 miliardi di dollari nel 2018 con una voce di spesa dedicata all’acquisto di aerei militari, veicoli blindati, sistemi radar, sottomarini diesel-elettrici e le navi di pattuglia per rafforzare la sicurezza delle frontiere e la lotta al terrorismo transnazionale.

La notizia è stata divulgata il 29 novembre, dal ministero per la difesa marocchino, durante la presentazione di in un nuovo rapporto intitolato “Il futuro dell’industria della difesa marocchino – attrattività del mercato, il panorama competitivo e previsioni al 2018 “. Lo Strategic Defense Intelligence (SDI) ha detto che la spesa per la difesa marocchina crescerà ad un tasso annuo del 4,4 % tra il 2014 e il 2018 .

«Questa crescita è dovuta principalmente ai passi del governo per combattere gli attacchi terroristici interni ed esterni, rafforzare la sicurezza delle frontiere e procurarsi nuovi sistemi di difesa. Spesa pro-capite per la difesa è destinata a crescere nel corso del periodo di previsione da 113.700.000 di dollari nel 2014 a 130.100.000 di dollari nel 2018». Si legge nel rapporto e ancora: «Si prevede che il budget di spesa capitale aumenti da 1,1 miliardi di dollari nel 2014 a 1,4 miliardi di dollari nel 2018, registrando un CAGR del 5,62 %, a causa (difesa) dei piani di modernizzazione del governo» chiosa il rapporto.
Il rapporto prevede inoltre che il bilancio del paese per la sicurezza nazionale aumenterà nel periodo di previsione guidato da crescenti problemi derivanti dal traffico di esseri umani, di armi transnazionali e il traffico di droga e le esigenze di sicurezza interna. Per questo: «La domanda di attrezzature nel periodo di previsione è previsto principalmente debba ruotare intorno a aerei da caccia, diesel sottomarino elettrico, sorveglianza e controllo e le navi pattuglia». L’aumento della spesa per la difesa è dovuto alle minacce esterne che comprendono il rischio di attacchi da parte di gruppi terroristici interni ed esterni al conflitto in corso sui confini algerini.
Le armi e i veicoli con tutta probabilità saranno forniti dalla Francia e in seconda battuta dagli Stati Uniti. «Il Marocco rimane fortemente dipendente dalle società statunitensi per la manutenzione e il supporto del suo equipaggiamento e armi. Inoltre, essendo un paese associato dell’Unione europea (UE ), il Marocco dà la preferenza alle nazioni dell’UE, in particolare la Francia, in termini di scambi».