Dgse nella tempesta

45

FRANCIA – Parigi 01/12/2013. Nuovi documenti prodotti da Edward Snowden, e pubblicati dal quotidiano francese Le Monde dimostrano che la Francia non è la vittima che sostiene di essere nel Datagate.

La Direction générale de la sécurité extérieure, (Dgse), l’agenzia di intelligence francese, ha lavorato e lavora a stretto contatto con la Nsa e il suo equivalente britannico , il Government Communications Headquarters (Gchq). Scrive Le Monde : «I nuovi sviluppi dimostrano come e in quale misura, in nome della lotta al terrorismo, la Dgse ha costruito e strutturato il suo commercio con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna. La cooperazione si è sviluppata nel campo della intelligence tecnica e umana. Con uno scambio, è stato poi deciso il trasferimento a Nsa e Gchq di scorte massicce di dati che transitavano sul suolo francese (…) La cosa è più sorprendente è il fatto che la decisione di condividere enormi quantità di informazioni sembra provenire dai direttori delle agenzie di intelligence, che fatto che solleva la questione del loro potere, dal momento che presumibilmente ha scavalcato la loro tutela politica e le leggi nazionali che tutelano le libertà civili. Secondo un alto funzionario francese della comunità di intelligence, il Dgse ha approfondito il suo rapporto con i suoi partner alla fine del 2011 e all’inizio del 2012, con l’adozione di un protocollo di scambio enorme di dati. La Francia ha una posizione strategica per il trasporto di dati elettronici da cavi sottomarini, e la Dgse può analizzare sì le informazioni e preservare i segreti sulla Francia, ma non può analizzare tutto. «La cooperazione si è sviluppata in modo che i dati personali provenienti da Africa o Medio Oriente, passando attraverso la Francia e appartenenti a privati ​​cittadini francesi, uomini d’affari, diplomatici, o agenti Dgse sul campo, e anche a capi di stato africani, possono cadere nelle mani del Nsa in nome dell’anti- terrorismo».