Kuwait ancora in affanno

55

KUWAIT – Kuwait City. 10/04/15. L’impresa di investimento Kuwait Aayan Leasing e Investimenti ha chiesto ai creditori la rinegoziazione dei debiti restanti per un valore di 176 milioni di dinari (587 milioni dollari), ha detto il presidente della società. Fonte Arabian Business. 

 

Come molte società di investimento dello Stato del Golfo arabo, Aayan, è stata duramente colpita dalla crisi finanziaria del 2008 che ha limitato l’accesso ai mercati di finanziamento e che ora fa sentire il peso sui prodotti finanziari di debito a breve termine utilizzati durante i periodi di boom per acquisizioni di asset come quello immobiliare, private equity, prodotti che non possono essere ora rifinanziati.

Ciò ha costretto Aayan a ristrutturare una parte del suo debito, che ha contribuito a ridurre i suoi obblighi da 333 milioni di dinari nel 2.012 a 176 milioni di dinari attuali. L’azienda sta ora cercando di rinegoziare i debiti residui, Presidente Fahd Ali al-Ghanim ha detto alla riunione dell’assemblea generale annuale della società, «dopo che la banca centrale ha facilitato le regole – rispetto al 2012 – che consente di ripagare debiti per un periodo prolungato di tempo». Il presidente non ha specificato quali modifiche ai regolamenti della banca centrale si stava riferendo. Come parte del piano di ristrutturazione, Aayan prevede di liquidare una parte del suo portafoglio di società quotate kuwaitiane, Ghanim ha detto.

Tuttavia, molte delle azioni sono ancora in commercio al di sotto del valore di acquisto, Ghanim ha detto, aggiungendo che questo ha aiutato a spiegare perché Aayan stava cercando una nuova ristrutturazione del debito.

Nonostante l’aumento del valore, anche se minimo, nel 2013 e 2014, il mercato azionario Kuwait è ancora scambiato il 60 per cento inferiore rispetto al giugno 2008 quando andò a picco.