Nasce il drone riutilizzabile

44

USA – Washington. 10/02/14. DARPA svilupperà un drone spaziale riutilizzabile. A darne notizia il Dipartimento della Difesa statunitense che ha annunciato la sua intenzione di sviluppare una nuova navetta spaziale ipersonica senza equipaggio.

Il nuovo drone si chiamerà XS-1. Il drone dovrebbe essere utilizzato per la consegna a bassa orbita terrestre di attrezzature varie, anche se non è stato specificato cosa. Secondo le esigenze dei militari, l’XS-1 dovrebbe essere in grado di raggiungere velocità superiori a 10 Mach (11,5 mila chilometri all’ora) e trasportare carichi di diverso peso da 1,36 a 2,27 tonnellate. Il costo di un drone da lancio non dovrebbe superare i cinque milioni di dollari. Il dispositivo una volta messo in orbita dovrà restarvi per almeno dieci giorni consecutivi. 

Al momento il reale destino dell’ XS-1 non è stato specificato. Sono in corso le consultazioni con i potenziali sviluppatori per quanto riguarda la fattibilità del progetto. Se lo sviluppo del UAV sarà portato avanti sarà molto simile all’X-37B. L’apparecchiatura X-37B, sviluppato negli interessi della US Air Force è attualmente in orbita, dove aveva già trascorso più di 400 giorni.
La lunghezza X-37B è di 8,8 metri e un’apertura alare di circa 4,5 metri. L’UAV di ritorno dal suo viaggio spaziale sarà capace di sbarcare in modalità aereo, con un peso di circa cinque tonnellate. La lunghezza stimata del soggiorno X-37B in orbita, che ha per ora svolto incarichi militare, è di 270 giorni. Secondo notizie non confermate, in futuro, questi droni effettueranno missioni di ricognizione e consegneranno in orbita veicoli spaziali.