DAESH si addestra in Messico

7

STATI UNITI D’AMERICA – Washington 02/05/2016. I narcos messicani aiutano i terroristi islamici in Messico, secondo le informazioni ricevute e pubblicate da Judicial Watch, fondazione statunitense di base nella capitale Usa.

Tra i jihadisti che fanno avanti e indietro dal territorio Usa c’è un kuwaitiano, Shaykh Mahmood Omar Khabir, mujahid Daesh, residente nello stato messicano di Chihuahua, non lontano da El Paso, in Texas. Khabir avrebbe addestrato centinaia di combattenti di Al Qaeda in Pakistan, Afghanistan e Yemen e ha vissuto in Messico per più di un anno.
Khabir esegue il suo lavoro in una base dello Stato Islamico in Messico nella regione di confine vicino a Ciudad Juárez.
Stando ai dati di Jw, Khabir ha 52 anni, gli è stato ordinato di lasciare il Kuwait circa un decennio fa per le sue posizioni estremiste; sarebbe l’emiro della cellula ad Anapra in Messico. Anapra si trova a ovest di Ciudad Juárez, nello stato messicano di Chihuahua. Jw riporta poi che, nel corso di un’operazione congiunta, tra esercito messicano e polizia federale sono stati scoperti documenti in arabo e urdu, i “piani” di Fort Bliss – l’installazione militare Usa che ospita la 1a divisione corazzata dell’esercito degli Stati Uniti e così via.
Il passaggio e l’infiltrazione di questi personaggi negli Usa attraverso il confine (nella foto) sarebbe testimoniata da un documento interno del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas secondo cui molti membri di note organizzazioni terroristiche islamiste sono stati arrestati attraversato il confine meridionale negli ultimi anni.
Jw poi afferma di avere le prove che dimostrerebbero la piena conoscenza che ha il governo degli Stati Uniti sulla collaborazione tra terroristi e cartelli della droga messicani da almeno un decennio.