DAESH pubblica: “Sangue per sangue”

13

STATO ISLAMICO – Raqqa 30/04/2016. Il 29 aprile Daesh ha pubblicato un nuovo nasheed in lingua francese dal titolo “Sangue per sangue”.

Se la tematica di questo video al Hayat è chiara e diretta, la vendetta nei confronti dell’Occidente che bombarda e uccide i popoli dello Sham, lo sono un po’ meno in protagonisti: tutti bambini. Inoltre, il nasheed è cantato da bambini. Si tratta della promessa fatta da questi giovanissimi guerrieri, tutti definiti orfani, di vendicare il sangue versato dal popolo dello Sham per i bombardamenti alleati e russi delle città del Califfato. Tutto incentrato sull’addestramento militare dei ragazzi in età preadolescenziale, il video minaccia nuovi attentati nelle città europee, dove sono presenti già i combattenti dello Stato Islamico. Nel video, Daesh ricorda a tutti che per il Califfato combattenti sono tutti i ragazzi dai 13 anni in su; inoltre questi mujahedin sono definiti orfani quindi figli del Califfato, che è di fatto l’unica loro vera famiglia e che dispone di loro secondo le necessità. Nel video viene fatta lumeggiare, anche se lontanamente la presenza di simili soldati in territorio europeo giunti, insospettabilmente, come minori non accompagnati o al seguito di altre famiglie.