Curcuma, elisir di lunga vita

215

di Graziella Giangiulio ITALIA – Roma 16/10/2016. La curcuma, è una delle spezie, in proporzione la più importante nel curry. Secondo alcuni studi recenti, ne sono stati fatti 6.000 su questa spezia, è la più potente erba del pianeta per combattere le malattie potenzialmente reversibili. Dagli studi emergono 6.235 articoli in cui si parla di diversi benefici di guarigione della curcuma. E questo mette la spezia di origini indiane in cima alla lista delle erbe medicinali più frequentemente citate in tutta la scienza insieme a aglio, cannella, ginseng, zenzero e cardo mariano.

A quanto si apprende dagli studi e dai media la scoperta più interessante è che quando la curcuma viene confrontata con la medicina convenzionale i suoi benefici sono pari a quello di molti farmaci farmaceutici. Nel confronto curcuma – farmaci ve ne sono alcuni con cui veramente concorre e non ha effetti collaterali tra questi:

Farmaci anti-infiammatori

Anti-depressivi 

Chemioterapia

Anti-coagulanti 

antidolorifici

farmaci per il diabete 

farmaci per l’artrite

Infiammatorie croniche intestinali farmaci per la malattia

farmaci per il colesterolo 

steroidi

La curcuma si è rivelata molto efficace per curare malattie che sono generate da infiammazioni: come per esempio il cancro, la colite ulcerosa, artrite, colesterolo alto e il dolore cronico. Perché la curcuma ha il potere di tenere a bada l’infiammazione. Uno studio condotto su 45 pazienti con artrite reumatoide con l’obiettivo di confrontare i benefici della curcumina nella curcuma con quello dei farmaci per l’artrite (diclofenac sodio), che però mettono le persone a rischio di sviluppare permeabilità intestinale e malattie del cuore. Lo studio ha diviso i volontari in tre gruppi: trattamento solo con curcumina, solo con diclofenac sodico, e a un gruppo sono stati somministrati combinazione dei due. I risultati dello studio sono stati  seguenti: il gruppo a cui stata somministrata solo curcumina ha mostrato la più alta percentuale di miglioramento in generale [Disease Activity Score] percentuale significativamente migliore rispetto ai pazienti nel gruppo diclofenac sodico. I risultati sono stati pubblicati su Fitoterapia Research nel 2012, i risultati di questo studio ha favorito più la ricerca soprattutto sulle persone affette da diversi tipi di artrite. Anche nello studio di guarigione dal cancro sono state fatte delle sperimentazioni con la curcumina. Per esempio la Cancer Research UK informa che in un certo numero di studi di laboratorio su cellule tumorali, hanno dimostrato che la curcumina ha effetti antitumorali. Sembra  essere in grado di uccidere le cellule tumorali e prevenire la formazione di nuove cellule. Essa ha i migliori effetti sul cancro al seno, cancro del colon, cancro allo stomaco e le cellule del cancro della pelle. Uno studio americano de 2007, che combina la curcumina con la chemioterapia per il trattamento di cellule di cancro del colon in un laboratorio ha mostrato che il trattamento combinato ha ucciso più cellule tumorali rispetto al solo la chemioterapia.

Altri studi della American Cancer Society, hanno anche dimostrato che la curcumina interferisce con lo sviluppo del cancro, la crescita, e la diffusione. I ricercatori hanno riferito che la curcumina ha bloccato la formazione di enzimi che provocano il cancro nei roditori. Recentemente, la curcumina ha ricevuto attenzione a causa della sua capacità di ridurre le dimensioni del tumore e uccidere le cellule tumorali. Secondo alcuni studi della ACS la curcuma funziona incredibilmente bene per aiutare naturalmente trattare il cancro ed è particolarmente efficace nel trattamento del cancro al seno, cancro del colon e il cancro della pelle.

La spezia è efficace anche nella cura Diabete, per l’abbassamento di zuccheri nel sangue e invertire la resistenza all’insulina. Basta aggiungere la curcuma alla dieta. Nel 2009, la biochimica e la biofisica Communications Research ha pubblicato uno studio della Auburn University che mostra come l’integrazione alimentare con la curcuma può aiutare l’inversione del diabete. Lo studio ha scoperto che la curcumina nella curcuma è letteralmente a 400 volte più potente della metformina (un farmaco comune, diabete) nell’attivazione AMPK che migliora la sensibilità all’insulina, che può contribuire a invertire diabete di tipo 2. Oltre a correggere le cause del diabete, la curcumina ha dimostrato di contribuire a invertire molti dei problemi legati alla resistenza all’insulina e iperglicemia. Prendiamo, per esempio, la neuropatia diabetica e retinopatia. Una delle complicanze più comuni del diabete è vasi sanguigni danneggiati che causano la cecità. Uno studio ha provato che l’integrazione con la curcumina può ritardare questa orribile complicanza del diabete a causa delle sue proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti. Ma gli effetti della curcuma non sono fintiti, anzi. Per esempio viene utilizzata nei pazienti affetti da problemi gastrointestinali. Spesso, le persone con problemi digestivi e di stomaco con flora dello stomaco compromessa ricorrono alla curcumina e un’analisi approfondita sulla capacità della curcumina di gestire la malattie infiammatorie intestinale (IBS, la malattia di Crohn e colite ulcerosa) ha rilevato che molti pazienti sono stati in grado di interrompere l’assunzione di loro corticosteroidi prescritti perché la loro condizione è migliorata assumendo la curcumina. Per molti pazienti affetti da IBD (malattia infiammatoria intestinale) corticosteroidi riducono i sintomi di dolore, ma danneggiano il rivestimento intestinale e nel corso del tempo in realtà rendendo insopportabile la malattia. Mentre l’integrazione della cura con curcumina non danno effetti collaterali, a causa delle sue proprietà anti-infiammatorie, effettivamente contribuito guarire l’intestino e sostenuto la crescita di batteri buoni (probiotici).

E ancora la curcumina è un ottimo antidolorifico ne 2012, l’European Journal of Pharmacology ha pubblicato una ricerca secondo cui la curcumina attiva naturalmente il sistema degli oppioidi in ratti affetti da diabetici. E ancora c sono studi che sostengono che al curcuma è efficace nel trattamento di:

Psoriasi

Lupus

Artrite reumatoide

Sclerodermia

Dolore cronico

Un altro studio clinico del 1999 ha constatato che la curcumina ha la capacità di curare l’infiammazione cronica degli occhi. In genere in questa condizione il paziente viene trattato solo con steroidi, ma oggi è comune per i medici statunitensi che praticano la medicina funzionale prescrivere curcumina al posto degli steroidi. 

Ma la Curcuma ha Effetti collaterali? Alcune persone hanno riferito le reazioni allergiche al curcuma, soprattutto dopo l’esposizione della pelle. Altri hanno eruzione cutanea pruriginosa. Inoltre, alte dosi di curcuma possono causare: 

Nause

Diarrea

Aumento del rischio di sanguinamento

Aumento test di funzionalità epatica

contrazioni della cistifellea iperattivi

L’ipotensione (pressione sanguigna abbassata)

contrazioni uterine nelle donne in gravidanza

L’aumento del flusso mestruale

Le persone che assumono alcuni farmaci devono anche fare attenzione quando si utilizza la curcuma nel loro cibo o di integrazione con esso. La curcuma può interferire con anticoagulanti come l’aspirina, clopidogrel e warfarin. E può influenzare i farmaci come la non-steroidei, farmaci anti-infiammatori. 

Ma come si utilizza la curcuma? Per esempio preparare il tè di curcuma “oro liquido”. Ma anche sulle uova, carote al curry e in generale aggiungere la curcuma come spezia al cibo. Infine, secondo uno studio, pubblicato in Planta Medica, prendendo la curcuma in combinazione con pepe nero, che contiene piperina, migliora l’assorbibilità della curcuma in tutto il corpo. Hanno aggiunto 20 mg di piperina a 2000mg curcuma, e ha aumentato la biodisponibilità di curcuma 154 per cento.