Riforme in vista per il Tajikistan

68

TAJIKISTAN – Dushanbe. 09/12/13. Il neo ministro per la Cultura tagiko, Shamsiddin Orumbekov ritiene che le riforme sono inevitabili nel settore culturale. Il ministro è rientrato da qualche giorno da un viaggio ad Astana, Kazakhstan dove ha incontrato gli omonimi del Kazahstan, Russia, Kirghizistan in occasione della sessione del Consiglio per la cultura presso la commissione per l’integrazione della Comunità economica eurasiatica (CEEA), il 6 dicembre.

«A margine della sessione, ho tenuto incontri bilaterali con i ministri della cultura del Kazakhstan, Russia e Kirghizistan per discutere le questioni relative alla cooperazione culturale bilaterale e l’organizzazione di attività culturali congiunte», ha detto il ministro ad Asia-Plus in un’intervista. «Le riforme sono inevitabili nel settore culturale. La cultura si deve sviluppare ed essere uno strumento di crescita per tutta la società», ha aggiunto Orumbekov .
Shamsiddin Orumbekov è stato consigliere del presidente per la politica del personale ed è stato nominato ministro della cultura il 21 novembre 2013, in sostituzione Mirzoshorukh Asrori. Nato il 18 Dicembre 1956, Shamsiddin Orumbekov ha ricevuto la sua prima educazione nel quartiere Shugnan della Regione Autonoma Gorno Badakhshan (GBAO) prima di laurearsi nel 1977 alla università tagika National University (Facoltà di Filologia tagiko). Nel 1991, Orumbekov si è laureato presso l’Istituto di Tashkent Scienze Politiche e Management.

Nel 1995-1997, Orumbekov ha svolto il ruolo di capo della cultura e dell’informazione reparto GBAO. Dal 1997sl 2000, era il capo del dipartimento GBAO per la televisione e radiodiffusione. Dal 2000 al 2011, è stato capo ufficio stampa del governatore GBAO, redattore capo del giornale Munis, presidente del distretto Shugnan, e il vice governatore di GBAO. Dal novembre 2011 al 21 novembre 2013 Orumbekov è stato consigliere del presidente per la politica del personale.