Cuba seduce gli USA

7

STATI UNITI D’AMERICA – Miami 09/05/2016. Centinaia di manifesti pubblicitari, foto, poster, vestiti e altri oggetti provenienti da Cuba prima del 1959 fanno parte di una mostra inaugurata Venerdì a Miami Beach.”Promising Paradise: Cuban Allure, American Seduction” che resterà aperta fino al 21 agosto al Wolfsonian Museum della Florida International University.

La mostra è stata resa possibile in gran parte ad una donna che confessa di essere stata sedotta da Cuba. Vicki Gold Levi, settantenne giornalista, che ha donato gran parte della sua grande collezione su Cuba alla Wolfsonian. La mostra comprende immagini di celebrità americane come Joseph Kennedy, Ernest Hemingway, Marlon Brando, Frank Sinatra e Ava Gardner, e di leggendari artisti cubani come Benny More, Celia Cruz e Olga Guillot, di quest’ultimo in mostra anche gli abiti di scena.

In mostra ci sono le foto di turisti statunitensi anonimi che bevono cocktail e fumano sigari cubani, ballano ai ritmi che l’isola ha dato al mondo: il mambo, il cha-cha, la conga e altri.
Nella prima metà del ventesimo secolo, l’isola divenne un mito da sognare; le campagne pubblicitarie e film di Hollywood hanno pubblicizzato le promesse di Cuba: rum e sigari, rumba e mambo, bere legalizzato il gioco d’azzardo, prima della rivoluzone del 1959 e della interruzione dei rapporti tra Usa e Cuba.
Attraverso fotografie, poster e gadget promozionali si va dal 1920 al boom turistico del dopoguerra degli anni 1950, la mostra ripercorre come i ricchi americani e le celebrità furono attirati alle discoteche esotiche, dai casinò e dai cabaret di Cuba creando un flusso turistico, un glamour, e una mania per la musica latina e la danza negli Stati Uniti
L’ashtag di riferimento è: # ParaísoCubano