La Csto aumenta i fondi militari

35

RUSSIA – Mosca 27/12/2013. I membri della Collective Security Treaty Organization (Csto), alleanza militare di Stati ex sovietici, hanno in programma di stanziare circa 33 miliardi di rubli (un miliardo di dollari) per nuove armi da destinarsi alla forza di reazione rapida congiunta.

Secondo il vice segretario generale Csto Valery Semerikov, il programma di acquisto di armi per la forza di reazione rapida del blocco è stato approvato da tutti gli stati membri e verrà presto firmato dai rispettivi presidenti.

«Inizieremo L’attuazione di questo programma nel 2014. Si richiederà uno stanziamento di circa 33 miliardi di rubli», ha detto Semerikov in una conferenza stampa il 26 dicembre.

La Csto, ente “analogo” della Nato, comprende Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Russia, Uzbekistan e Tagikistan; l’accordo per creare una forza di reazione rapida congiunta è stato firmato dai leader di tutti gli Stati membri nel 2009. La forza include una divisione aerea e una brigata di assalto aereo dalla Russia, una brigata di attacco aereo dal Kazakistan e un battaglione ciascuno gli altri stati, anche se l’Uzbekistan ha accettato solo di “autorizzare” i suoi uomini a partecipare a operazioni su una base ad hoc.

In linea con l’accordo, la forza sarà utilizzata «per respingere aggressioni militari, condurre operazioni anti-terrorismo, lotta contro la criminalità transnazionale e il traffico di droga e neutralizzare gli effetti delle catastrofi naturali».

Delineando le priorità della Russia durante la sua presidenza Csto, il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato, a settembre 2013, l’ulteriore sviluppo della cooperazione militare e il rafforzamento della forza di reazione rapida dell’alleanza alla luce delle future missioni di pace così come della lotta contro il terrorismo e il traffico di droga in Asia centrale. Di rilievo sono le funzioni di peacekeeping in risposta allo sviluppo di minacce interne all’area coperta del blocco.

Il segretario generale Csto, generale Nikolai Bordyuzha, nel novembre 2013, aveva detto cheoccoirreva rafforzare queste capacità visto il pericolo proveniente da paesi ai margini geografici della Csto; un chiaro riferimento all’Afghanistan.

«La necessità di un meccanismo efficace di mantenimento della pace è dettata dalla difficile situazione internazionale in molte regioni del mondo, comprese zone non lontane dall’area di responsabilità della Csto», aveva detto Bordyuzha in una conferenza sulla sicurezza a Mosca.

«La vicinanza di un cosiddetto arco di instabilità al nostro confine crea un vero e proprio pericolo» aveva aggiunto.

Bordyuzha aveva poi detto che le potenziali minacce erano numerose e spaziavano da attacchi terroristici “di ritorno” alla proliferazione di ideologie estremiste, al diffuso possesso di armi negli Stati membri.

Il capo del Joint Staff Csto, Alexander Studenikin aveva aggiunto nella stessa occasione che circa 3.600 poliziotti, militari e personale medico erano stati assegnati a mansioni di peacekeeping.