Nell’area CSI l’economia cresce

52

KAZAKHSTAN – Astana. 10704/14. Il rating sul Index of Economic Freedom per il periodo 2000-2010, di tutti i paesi della CSI, eccetto Moldova, Russia e Ucraina hanno migliorato la loro posizione. Questo è quanto indicato nella relazione del perito Nurbek Jenish “commercio regionale e la crescita economica della regione CSI.” Fonte Tazabek.

Nel 2000, i paesi della CSI hanno continuato ad attuare le riforme economiche e strutturali per creare un ambiente favorevole per la crescita economica. Questo miglioramento potrebbe contribuire a stimolare la crescita economica di questi paesi. L’economia della Russia, Kazakhstan e Azerbaijan hanno beneficiato di un aumento significativo delle esportazioni di energia. La crescita dei flussi di esportazione di questi paesi è principalmente dovuta sia un incremento dei volumi di esportazione e prezzi più elevati per petrolio e prodotti petroliferi. Dopo il boom delle esportazioni, questi paesi hanno fatto investimenti diretti esteri significativi, che ha rafforzato ulteriormente la crescita, in particolare in Azerbaijan e Kazakhstan. Secondo il rapporto, la crescita economica della regione è stata accompagnata da un aumento del commercio – sia intra ed extra-regionale. Rielvante il dato secondo cui il tasso di crescita medio annuo degli scambi con i 10 paesi della CSI variava da 10 a 40% per il periodo 2001-2008.
Sulla base delle analisi delle dinamiche del commercio nei paesi della CSI si può concludere che la Russia in questo periodo è stato un importante partner commerciale per quasi tutti i paesi della regione e che durante questo periodo la maggiore intensificazione degli scambi intra-regionale senza la partecipazione della Russia, e il commercio extra-regionale viene dai paesi che vendono prodotti energetici.