Cristiani iracheni a rischio genocidio

50

IRAQ – Kirkuk. 09/08/14. I jihadisti hanno preso vaste zone del nord dell’Iraq è ieri hanno costretto 100.000 cristiani a fuggire e hanno occupato le chiese, le croci rimuovendo e distruggendo manoscritti, fonte Patriarca caldeo, Louis Sako: «Ci sono 100.000 i cristiani sfollati fuggiti con nient’altro che i loro vestiti, alcuni dei quali a piedi, per raggiungere la regione del Kurdistan», ha detto. Fonte Middle East.

«Questo è un disastro umanitario. Le chiese sono occupate, le croci sono state tirate giù», ha detto Sako, il leader del più grande denominazione cristiana in Iraq, che è allineato con la Chiesa cattolica romana. Sono stati bruciati 1.500 manoscritti. Lo Stato Islamico (IS) ha spazzato via gran parte del cuore sunnita in Iraq, ha attaccato diverse città e villaggi a est di Mosul, la seconda città del paese. Tra queste c’era Qaraqosh, la più grande città cristiana in Iraq, con una popolazione di circa 50.000, e diverse aree circostanti che sono stati precedentemente controllate dalla forza peshmerga curdi. I residenti in fuga cercano di entrare nella regione autonoma del Kurdistan vicina e confermano la conquista da parte degli Jihadisti. L’AFP sostiene: che è impossibile verificare immediatamente lo stato attuale di quelle città, i testimoni dicono che sono stati completamente svuotati del loro abituale popolazione. «I militanti di Daash (IS), hanno attaccato la scorsa notte la maggior parte dei villaggi in pianura di Ninive, sparando colpi di mortaio uccidendo delle persone» ha detto Sako, parlando dalla sua base a Kirkuk. «Il governo non è in grado di difendere la nostra gente, come lo è il governo del Kurdistan. Hanno bisogno di lavorare insieme, ricevere sostegno internazionale e moderne attrezzature militari». «Oggi ci appelliamo con un sacco di dolore e tristezza, a tutte le persone di buona volontà, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Unione Europea e organizzazioni umanitarie, per aiutare quelle persone che si trovano ad affrontare un pericolo mortale», ha detto Sako. «Spero che non sia troppo tardi per evitare un genocidio», ha aggiunto.