COVID 19. RUSSIA e USA, unite dalla scienza contro le epidemie

29

In tempi di Guerra Fredda, Stati Uniti e Russia hanno avuto la capacità di essere lungimiranti e andare oltre le differenze. E basandosi sui punti comuni hanno cercato soluzioni comuni a quelli che, all’epoca, erano i mali assoluti: polio e vaiolo. Non fu semplice, ma ci riuscirono: un grande esempio per tutti noi in tempo di COVID 19 dove, apparentemente, il COVID 19 è gestito dalle aziende farmaceutiche in gran segreto per questioni economiche anche se ci sono collaborazioni trasversali.

A volte infatti ci si chiede se certe ricerche non debbano essere libere e solo in favore dell’umanità e ricevere per questo finanziamenti a fondo perduto per dare vita a medicinali a basso prezzo per l’intera umanità.

Negli anni Sessanta, gli Stati Uniti e l’ex Unione Sovietica minacciavano di farsi saltare in aria a vicenda con le bombe atomiche. Questo portò quasi a una guerra a tutto campo di distruzione reciproca assicurata (MAD). L’inimicizia culminò nella Crisi dei missili cubani, uno scontro di 13 giorni tra le due superpotenze nel 1962, risultato del dispiegamento di missili balistici sovietici a Cuba.

Ma in mezzo a tutto questo, scienziati statunitensi e russi – esperti di virologia – hanno anche lavorato insieme ad almeno due vaccini che hanno contribuito a salvare il mondo.

In segreto, i migliori virologi statunitensi e russi collaboravano per sviluppare vaccini, in particolare contro la poliomielite e il vaiolo, due delle principali malattie infettive che fino a quel momento affliggevano l’umanità. La maggior parte dei bambini di oggi riceve un vaccino orale contro la polio, che nasce direttamente dalla collaborazione USA-Russia, secondo il Journal of Neglected Tropical Diseases della Public Library of Science (PLOS) Journal of Neglected Tropical Diseases.

L’articolo, pubblicato nel 2017, mostra altri sforzi congiunti USA-Russia in campo medico, una tendenza che ora vediamo con ipercollaborazioni tra scienziati di tutti i continenti di fronte al COVID-19.

Nonostante la rivalità e le minacce di farsi saltare in aria a vicenda, gli Stati Uniti e i russi hanno mantenuto aperti i canali in diversi campi: sport, arte, letteratura e altre iniziative umanitarie. Le iniziative congiunte USA-Russia avevano un unico obiettivo: sviluppare, testare e fornire vaccini salvavita che prendessero di mira questi due antichi flagelli dell’umanità.

I due vaccini salvavita sono diventati alcuni degli impegni più produttivi degli acerrimi rivali che hanno salvato l’umanità. Il lavoro congiunto, tuttavia, era “per lo più clandestino”, secondo la rivista. Il risultato: il vaiolo è stato quasi completamente debellato, e la polio è stata in gran parte eliminata. Era nota come “diplomazia del vaccino della guerra fredda”.

Nel 1956, un anno prima del lancio del satellite sovietico Sputnik, il Dipartimento di Stato americano e la sua controparte in Unione Sovietica facilitarono i collegamenti tra i loro virologi.

Da parte degli Stati Uniti c’era il virologo Dr. Albert Sabin. Dalla parte sovietica c’erano due virologi: il dottor Mikhail Chumakov e Anatoli Smorodintsev.

Hanno collaborato alla produzione del vaccino orale contro la polio (OPV). La produzione è stata fatta su una scala tale da permettere loro di testarlo prima su milioni di cittadini sovietici. Quella collaborazione USA-Russia avvenne sotto gli occhi di un sospetto operativo del KGB (un tempo agenzia di spionaggio russa). Nel 1956 i virologi russi visitarono Sabin nel suo laboratorio di ricerca dell’ospedale pediatrico di Cincinnati.

I russi promisero a Sabin un invito in Russia. Quando ricevette l’invito, Sabin colse al volo l’occasione. Dopo due intensi interrogatori dell’FBI, Sabin fu in grado di recarsi a Leningrado e a Mosca nel giugno del 1956. Trascorse un mese in Russia incontrando scienziati, tenendo conferenze e facendo pressione per il suo vaccino.

Nel giro di due anni, una spedizione dei ceppi del virus della poliomielite di Sabin arrivò in Unione Sovietica su ghiaccio secco.

Il vaccino Sabin è stato ingrandito e prodotto nel laboratorio di Chumakov. I test clinici gli hanno richiesto di aggirare l’allora ostruzionista ministro della Sanità sovietico e di andare direttamente ai vertici del Cremlino per procedere con gli studi su larga scala.

Grazie agli sforzi di Sabin e Chumakov, il vaccino è stato testato inizialmente su milioni di bambini in età scolare. Successivamente è stato somministrato anche ai giovani adulti.

Nella prima metà del XX secolo le epidemie di polio hanno periodicamente paralizzato molte parti del mondo, comprese le città americane. I bambini erano particolarmente vulnerabili, ma la malattia colpì anche gli adulti, tra cui il presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt nel 1921.

Antonio Albanese