COVID 19. Il vaccino di Oxford sembra funzionare

56

Il vaccino Oxford Covid-19 mostra una “forte risposta immunitaria” sia tra gli anziani che tra i giovani, hanno detto gli scienziati. I dati sulla sicurezza e sulle risposte immunitarie tra i partecipanti alla fase due degli esperimenti dell’Università di Oxford sono stati presentati per una revisione tra pari su una rivista medica, riporta Oxford Mail.

Ma i primi risultati sono stati discussi dal professor Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group, prima della pubblicazione, che ha preso atto dei risultati promettenti in tutte le fasce d’età. In una dichiarazione, l’Università di Oxford ha detto: «Questi primi risultati che riguardano i volontari di prova del Regno Unito nelle fasce d’età 56-69 e 70 anni sono stati presentati a una rivista di revisione tra pari, e speriamo di vederne la pubblicazione nelle prossime settimane. Le nostre prove in corso forniranno ulteriori dati, ma questo segna una pietra miliare e ci rassicura sul fatto che il vaccino è sicuro per l’uso e induce forti risposte immunitarie in entrambe le parti del sistema immunitario in tutti i gruppi di adulti.

AstraZeneca, l’azienda che ha sviluppato congiuntamente il vaccino di Oxford, ha aggiunto: «È incoraggiante vedere che le risposte immunogeniche sono simili tra adulti più anziani e più giovani e che la reattogenicità è inferiore negli adulti più anziani, dove la gravità della malattia di Covid-19 è maggiore». Il vaccino è attualmente nella fase tre di sperimentazione clinica, il che significa che la sicurezza e l’efficacia del vaccino è stata testata da migliaia di partecipanti in diversi paesi.

Gli esperti hanno previsto che i dati della sperimentazione potrebbero essere presentati alle autorità di regolamentazione entro settimane. Il Segretario alla Sanità britannica Matt Hancock ha detto che la sua “aspettativa centrale” è che la maggior parte del lancio di un vaccino contro il coronavirus potrebbe essere in corso nella prima metà del 2021.

Lucia Giannini