Sale la corruzione in Kazakhstan

58

KAZAKHSTAN – Astana. 07/12/2013. Secondo il rapporto annuale di Transparency International, che analizza la corruzione nel mondo, monitorando 177 paesi, il Kazakhstan passa dal 133esimo posto al 140. Alla testata Azattyq il vice direttore kazako di Trasparency, Kuat Riskulov, ha dichiarato che la corruzione dal 2012 al 2013 è aumentata e che i più “corruttibili” sono i funzionari pubblici dal sindaco al parlamentare.

Ci sono prove secondo cui «più della metà dei funzionari hanno accettato tangenti». Secondo gli esperti, in Kazakhstan la corruzione riguarda soprattuto «l’abuso di fondi pubblici». Secondo la guardia di finanza, il 78 per cento dei reati di corruzione presenti riguarda il settore degli appalti pubblici. Tuttavia, la corruzione non è limitata a questo. E ‘disponibile in tutte le maglie del tessuto connettivo del paese.

Secondo gli studi sociologici, che sono stati effettuati nel paese, un terzo dei cittadini Kazakistan ha ammesso che aver accettato tangenti. Secondo l’organizzazione Global Corruption Barometer di Transparency International (Global Corruption Barometer), mentre per lo più i cittadini corrompono i poliziotti.

Sul perché i cittadini hanno pagato una tangente, il 19 per cento degli intervistati ha detto che «questa è l’unica possibilità di ottenere il beneficio del servizio civile», il 33 per cento – «per finire il lavoro in fretta» l’otto per cento – «per ridurre i costi» il 39 per cento ha risposto di corrotti «come un ringraziamento».

Gli affari ombra in Kazakistan sono una voce importante del bilancio dello stato. Secondo le organizzazioni internazionali, per gli ultimi 20 anni all’estero è stata tradotta in 123 miliardi di dollari.