CORONAVIRUS. Scontro tra governi e multinazionali su vaccino anti-coronavirus

32

Dare agli Stati Uniti l’accesso prioritario a un vaccino Sanofi contro il nuovo coronavirus sarebbe “inaccettabile”, ha detto il sottosegretario all’Economia del governo francese, Agnes Pannier-Runacher. «Per noi, sarebbe inaccettabile che ci sia un accesso privilegiato per questo o quel Paese con un pretesto che sarebbe un pretesto finanziario», ha detto Pannier-Runacher in un’intervista rilasciata il 14 maggio su Sud Radio.

Gli Stati Uniti saranno probabilmente i primi in linea se Sanofi riuscirà a sviluppare un vaccino perché il paese è stato il primo a finanziare la ricerca della società francese, ha detto questa settimana l’amministratore delegato Paul Hudson in un’intervista a Bloomberg News. Gli Stati Uniti, che hanno ampliato la partnership per il vaccino con l’azienda a febbraio, si aspettano «che se vi abbiamo aiutato a produrre le dosi a rischio, ci aspettiamo di ottenere le dosi per prime», ha detto Hudson.

I commenti di Hudson hanno evidenziato i conflitti che le multinazionali e i governi devono affrontare nella corsa allo sviluppo di un vaccino contro Covid-19. Più di 140 leader mondiali ed esperti hanno firmato una lettera aperta rilasciata da Unaids e Oxfam, in cui si chiedeva un “vaccino per le persone” e trattamenti che sarebbero stati disponibili gratuitamente per tutti in tempi brevi.

«Nessuno dovrebbe essere spinto in fondo alla fila per il vaccino a causa di dove vive o di quello che guadagna», ha detto il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa. I sostenitori della salute hanno avvertito che la corsa potrebbe escludere i paesi che non possono permettersi dosi protettive, rendendoli vulnerabili alle morti di massa e alle macerie economiche, in mezzo ai segnali che alcuni paesi daranno priorità alla loro popolazione.

Le forniture di un vaccino sperimentale dell’Università di Oxford saranno prioritarie per il Regno Unito rispetto ad altre parti del mondo, ha detto il mese scorso Pascal Soriot, Ceo di AstraZeneca Plc, che produrrà il vaccino, riporta Japan Times.

Su Bfm Business TV, Olivier Bogillot, il capo della Sanofi France, aveva detto in proposito: «No, non lo confermo. È evidente che se Sanofi scopre un medicinale, un vaccino contro COVID-19 e se è efficace, sarà disponibile a tutti». Sanofi ha collaborato con la rivale britannica GlaxoSmithKline Plc al progetto sostenuto dagli Stati Uniti e afferma che potrebbe produrre 600 milioni di dosi all’anno.

La produzione del vaccino di Sanofi negli Stati Uniti andrà principalmente a quel mercato, mentre la capacità altrove coprirà l’Europa e il resto del mondo, ha detto l’azienda in una dichiarazione via email prosegue Bloomberg. Il produttore sta avendo «conversazioni molto costruttive» con i governi francese e tedesco e con le istituzioni dell’Unione Europea, ha detto l’azienda.

La francese Pannier-Runacher ha detto di aver contattato immediatamente Sanofi dopo l’intervista di Hudson, e il responsabile locale dell’azienda ha confermato che il vaccino sarà disponibile per tutti i paesi, compresa la Francia, soprattutto perché l’azienda ha una capacità produttiva in quel paese.

Maddalena Ingroia