CORONAVIRUS. Sarebbero molti di più i malati di COVID 19 a Wuhan

46

Due studi separati che hanno coinvolto il test sugli anticorpi per Covid-19 suggeriscono che più del 3 per cento delle persone a Wuhan, città di 11 milioni di abitanti, potrebbe aver avuto in precedenza la malattia, con sintomi nulli o molto lievi.

Un team di scienziati cinesi ha testato 17.368 persone a Wuhan e in altre città della Cina dal 9 marzo al 10 aprile, con l’obiettivo di valutare la prevalenza della malattia, riporta Scmp.

Mentre i test dell’acido nucleico sono usati per identificare se qualcuno ha contratto il Covid-19 al momento della malattia, il test per gli anticorpi è un modo importante per determinare, in seguito, quante persone sono state infettate. Può anche indicare se hanno avuto infezioni asintomatiche o subcliniche, il che significa che i sintomi erano così lievi che non se ne sono accorti. I test per due tipi di anticorpi hanno rilevato che dal 3,2 al 3,8 per cento dei campioni di sangue di Wuhan erano positivi, il che significa che erano stati precedentemente infettati da Covid-19, secondo lo studio peer-reviewed pubblicato su Nature Medicine la scorsa settimana.

La ricerca è stata condotta da scienziati di Guangzhou, Chongqing, Sichuan, Hong Kong e altre città cinesi. Tra quelli testati c’erano 714 operatori sanitari, il 3,8 per cento dei quali è risultato essere stato infettato da Covid-19. La percentuale è stata la stessa, il 3,8 per cento, per 346 dipendenti di alberghi in cui soggiornavano gli operatori sanitari che curavano i pazienti affetti da Covid-19. E tra i 219 familiari degli operatori sanitari esaminati, gli anticorpi sono stati trovati nel 3,2%. Lo studio ha rilevato che le persone di età superiore ai 65 anni avevano una maggiore prevalenza di anticorpi.

Ma i suoi autori hanno notato che, poiché lo studio non era basato su un campione casuale, ci potrebbe essere un pregiudizio e che quindi era necessaria una ulteriore ricerca per ottenere una migliore stima del numero totale di infezioni a Wuhan durante l’epidemia. 

I loro risultati sono stati, tuttavia, in linea con uno studio separato peer-reviewed dagli scienziati dell’Università di Hong Kong pubblicato su The Lancet Microbe il 3 giugno. I loro test hanno rilevato che il 4% dei 452 cittadini di Hong Kong evacuati dalla provincia di Hubei, dove si trova Wuhan, presentava anticorpi Covid-19. I residenti di Hong Kong hanno lasciato Hubei su quattro diversi voli il 4 e 5 marzo, e 364 di loro erano stati a Wuhan.

In entrambi gli studi, molti campioni sono stati ritenuti essere casi subclinici o asintomatici. Sulla base di questo, i ricercatori hanno concluso che i risultati dei test dell’acido nucleico effettuati durante l’epidemia possono riflettere solo una frazione delle infezioni di Wuhan. Hanno stimato che ben 2,2 milioni di persone nella provincia di Hubei e 500.000 a Wuhan potrebbero aver contratto il Covid-19. 

Al 10 giugno, la Cina aveva segnalato 83.057 casi in tutto il Paese, mentre il dato ufficiale di Wuhan al 9 giugno era di 50.340 casi. Ma queste cifre non includono i pazienti asintomatici – anche se il governo ora include tali casi nelle sue relazioni quotidiane, non si riflettono nei numeri dei casi confermati. 

Lucia Giannini