CORONAVIRUS. Il giapponese favipiravir verrà testato in Kuwait

50

Fujifilm Holdings Corp. inizierà uno studio clinico del farmaco antivirale Avigan in Kuwait già questo mese in collaborazione con una società partner indiana. Secondo quanto riportato da Mainichi Shinbun, l’indiano Dr. Reddy’s Laboratories Ltd. dovrebbe condurre lo studio clinico coinvolgendo fino a 1.000 persone per valutarne l’efficacia.

All’inizio di questo mese, Fujifilm ha detto di aver concesso i diritti esclusivi al Dr. Reddy’s per sviluppare, produrre e vendere il potenziale farmaco per il trattamento Covid-19 all’estero, insieme al Global Response Aid di Dubai.

L’Avigan è stato visto come un possibile trattamento per la malattia respiratoria Covid-19 causata dal nuovo coronavirus. Fujifilm Toyama Chemical Co., la filiale della società giapponese che ha sviluppato Avigan, noto anche come favipiravir, aveva inizialmente in programma di condurre il suo studio clinico su 96 persone in Giappone da fine marzo a fine giugno.

Ma lo studio non è andato avanti secondo il piano in quanto il numero di infezioni in Giappone è diminuito per alcune settimane durante il periodo. Il numero di infezioni da Covid-19 in Kuwait era di più di 58.200 il 18 luglio, mentre quello del Giappone è arrivato a circa 24.100, secondo un conteggio della Johns Hopkins University. Se i dati effettivi sono stati raccolti durante lo studio in Kuwait, potrebbero essere utilizzati in Giappone.

Il primo Ministro Shinzo Abe aveva sperato di vedere approvato il farmaco, ma ha rinunciato all’obiettivo dopo che il rapporto intermedio di un’università giapponese, pubblicato a metà maggio, non ha indicato una chiara efficacia di Avigan nel trattamento della malattia.

All’inizio di questo mese, la Fujita Health University, che ha guidato un team che ha effettuato test clinici su Avigan, ha detto ancora una volta che il suo studio non è riuscito a dimostrare una chiara efficacia nel trattamento dei pazienti affetti da coronavirus in uno stadio precoce della malattia.

Maddalena Ingroia