CORONAVIRUS. IATA prevede perdite per oltre 100 miliardi di dollari

30

Le compagnie aeree potrebbero perdere da 63 a 113 miliardi di dollari di entrate nel 2020, a seconda di come si diffonde il coronavirus, ha detto il 5 marzo l’International Air Transport Association, Iata. 

L’ultima volta che questo settore ha affrontato uno shock di questa portata è stato nel 2009 durante la crisi finanziaria globale, ripota Reuters. La cifra di 63 miliardi di dollari è per uno scenario in cui la malattia è contenuta nei mercati attuali con oltre 100 casi a partire dal 2 marzo, ha detto Iata.

La stima di 113 miliardi di dollari è per uno scenario con una più ampia diffusione della malattia. Questo calo si tradurrebbe in una perdita dell’11% – 19% dei ricavi dei passeggeri a livello mondiale. La Iata il 20 febbraio ha stimato che l’epidemia costerebbe ai vettori 29,3 miliardi di dollari di entrate, se fosse in gran parte circoscritta ai mercati associati alla Cina.

I mercati finanziari hanno reagito con forza. I prezzi delle azioni delle compagnie aeree sono scesi di quasi il 25% dall’inizio dell’epidemia, circa 21 punti percentuali in più rispetto al calo verificatosi in un punto simile durante la crisi della Sars del 2003.

I prezzi del petrolio sono scesi in modo significativo (-13 dollari/barile Brent) dall’inizio dell’anno. Questo potrebbe ridurre i costi fino a 28 miliardi di dollari sui costi del carburante del 2020 (oltre a quei risparmi che si otterrebbero grazie alla riduzione delle operazioni): il che darebbe un certo sollievo, ma non attenuerebbe in modo significativo l’impatto devastante che Covid-19 sta avendo, ha detto Iata, aggiungendo che le pratiche di copertura posticiperanno questo impatto per molte compagnie aeree.

«Molte compagnie aeree stanno tagliando la capacità e adottando misure di emergenza per ridurre i costi. I governi devono prenderne atto. Le compagnie aeree stanno facendo del loro meglio per rimanere a galla mentre svolgono il compito vitale di collegare le economie mondiali. Mentre i governi guardano alle misure di stimolo, l’industria delle compagnie aeree dovrà prendere in considerazione la possibilità di sgravi fiscali, oneri e l’assegnazione di slot. Questi sono tempi straordinari», ha detto Alexandre de Juniac, Direttore Generale e Ceo di Iata.

Maddalena Ingrao